Narrativa italiana Racconti Ma come tu resisti, vita
 

Ma come tu resisti, vita Ma come tu resisti, vita

Ma come tu resisti, vita

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di "Ma come tu resisti, vita", opera di Mariapia Veladiano edita da Einaudi. Mariapia Veladiano crede nelle parole che fanno la differenza. Le sceglie per noi, e ce le affida. Parole che ci accompagnano amiche. Chiamate a rendere nuovo ogni mattino che viene. «Ma come si fa a non prendere e stringere mani fino a sentir male, guardare fino a far lacrimare gli occhi, come si fa a vivere cosí, sapendo. Sapendo che possiamo celebrare finalmente insieme la diaspora dal nostro egoismo, fare una cosa sola, o anche due, e cosí scendere dal calvario di una vita che intanto ci inchioda a esser soli, sordi, ciechi e scontenti. L'ottimismo è voler resistere al male, comunque»



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.5  (4)
Contenuto 
 
4.8  (4)
Piacevolezza 
 
4.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ma come tu resisti, vita 2014-08-20 22:19:05 Belmi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    21 Agosto, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le parole che fanno la differrenza

La Veladiano si prende il difficile compito di affidare a molte parole il giusto significato; per farlo dedica ad ognuna di esse una mattinata.
Ne scaturisce un piccolo volume che ci fa riflettere sul peso ed il potere delle parole. Molte volte non ci accorgiamo che con una semplice parola possiamo davvero dire tanto.

Il libro è diviso in tre parti: sentimenti, azioni e parole.

La Veladiano ci insegna che le parole fanno davvero la differenza. Sorprende il fatto che molte volte non diamo il giusto significato o comunque ci fermiamo solo in superficie. Importante e non per ultimo, che alcune volte, le parole possono avere più significati. Fra queste una che mi è particolarmente piaciuta è:

Coraggio: "è un corrispondere che non si conosceva prima. Ci sorprende. Un essere che non ci appartiene ma ci possiede e ci porta dove non sapevamo di poter andare."

Buona lettura, lo consiglio!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ma come tu resisti, vita 2014-04-01 03:20:31 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    01 Aprile, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per riflettere, su parole e contenuti

In “Ma come tu resisti, vita”, Mariapia Veladiano raccoglie componimenti brevi (una pagina ciascuno), raggruppati in tre sezioni: sentimenti – azioni – parole.

Così tra i “sentimenti” ritroviamo la gioia (“Gioia è scoprirsi parte della creazione. Creatori anche noi”), il rimpianto (“Di non aver detto”), il desiderio (“C’è un età in cui il desiderio è moltitudine”). E molti altri.

Tra le azioni, a titolo esemplificativo cito “cantare” (“Non è necessaria la voce limpida e accordata. Il cuore leggero però sì”).

Per le parole, scelgo “ombra” (“Capita di dover vivere con un’ombra che ci precede nel nostro andare, sempre”).

Alla fine di ogni sezione, troviamo il più citato tra i sentimenti, le azioni e le parole. Che sono: “amore” (“Si chiama in molti modi” – “A volte è malamore” – “A volte è amore finito”), “vedere” (“Dal basso” – “Vedere dall’alto è un bel sollievo” – “Come un contemplare”) e “parole” (“Di parole si vive”).

Un libro ricco di spunti filosofici e meditativi, adatto a chi ama riflettere, un libro dal quale emergono nitidamente il senso religioso della vita e la visione profonda della realtà.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... La vita accanto della stessa autrice. Saggi brevi di filosofia.
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ma come tu resisti, vita 2013-12-31 15:32:13 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    31 Dicembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Squarci di vita

Penso che questo libro sia stato scritto per tutti coloro che sentono la vita come un recinto. E’ folgorante. E’ fatto di brevi pagine, ognuna di esse dedicata a un sentimento, ad un’azione, ad una parola: tre sono le sezioni infatti in cui è diviso il libro. Ogni pagina è una raccolta di pensieri che ruotano attorno alla parola cui la pagina è dedicata e, dentro ogni pagina, ci trovi l’anima. Io leggo moltissimo ed è difficile che un libro mi faccia piangere. Se succede, vuol dire che il libro ha toccato le mie corde più intime. Quest’autrice ci è riuscita e gliene sono grata: la adoro per questo, e non solo. In questi frammenti ognuno può cogliere ciò che più si avvicina a quella parte di vita che sta conoscendo in quel determinato momento in cui legge questo libro. A me ha colpito la troppa felicità del mondo che mi arriva, il fatto che capita di attraversare il mondo con occhio estraneo alla vita, il coraggio quotidiano e solitario. Le pagine della delusione, dell’indifferenza e della rassegnazione mi hanno colpito e ferito. Le pagine del coraggio e dello stupore mi hanno risollevato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ma come tu resisti, vita 2013-11-20 15:38:17 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    20 Novembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A diventare ciechi s'impara duramente

Nella mia libreria personale metto questo testo della Veladiano , fra "La prima sorsata di Birra"di Philippe Delerm e "Momenti di trascurabile felicità" di Francesco Piccolo. Il testo appartiene a questo genere letterario, raccolte di considerazioni sulla vita, sul tempo,sull'amore, sulla morte, sul dolore e la gioia. Ma a questo sciame di pensieri la Veladiano, al contrario dei precedenti autori citati, aggiunge quello non meno interessante dello smarrimento Cristiano, "Ma come tu resisti,o vita" è un verso tratto dal Cantico Spirituale di Giovanni della Croce. In Veladiano , la prima sorsata di birra, questo come tanti altri momenti di trascurabile felicità diventa Fede, quella che non dà spettacolo, quella che si trova a sorpresa dietro un angolo nella solitudine più totale, con lei s'impara duramente a non diventare ciechi come ci vuole questa società malata, che ci vuole stupidi consumatori dell'inutile.Un rosario di grani di carta, preziose riflessioni che consiglio a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini