Narrativa italiana Romanzi autobiografici Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla
 

Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla

Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

A dire "Io" è una voce narrante del tutto inedita, la Sclerosi Multipla, capace di terrorizzare soltanto col suono del proprio nome, un "gorgoglio di consonanti scivolose". Egocentrica come una primadonna, dotata di un'ironia corrosiva, politicamente scorretta, determinata, ingombrante, irriverente, sguaiata, irascibile, maltratta tutto e tutti, a cominciare dai lettori, "uditorio miserrimo" al quale si confida. La sua vittima prediletta, però, è la "lei" del titolo, quella Miagentileospite, amatissima e disprezzata in ugual misura dall'inquietante narratrice: "Sono dentro di lei. Capite? Sono dentro di lei più di qualsiasi altro. E lei non dovrebbe dimenticarlo mai". Tutto in loro è simbiotico e opposto: gusti, passioni, inclinazioni, tendenze, idiosincrasie, consapevolezze, visioni del mondo e dell'amore, in particolare quello per Occhiazzurrogrigionebbia, altro personaggio del romanzo. Le due linee narrative, la malefica progressione della malattia e la storia d'amore, corrono parallele fino a incontrarsi nel sorprendente coup de théâtre finale. Cos'è, dunque, questo libro unico e potentissimo? Un memoir graffiante ed emozionante? Una feroce invettiva? Un implacabile flusso di emozioni? O piuttosto uno sconvolgente romanzo d'amore? Sarà il lettore stesso a deciderlo scoprendo, a ogni modo, che questa eccentrica autobiografia profuma assai più di vita che di malattia, nonostante tutto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla 2018-03-22 18:03:13 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    22 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una forte lotta alla malattia

Fiamma Satta, voce storica di Radio2, autrice di alcuni programmi di grande diffusione, affetta da venticinque anni dalla sclerosi multipla che non le impedisce di vivere pienamente la vita, in Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla, rende la malattia un personaggio con una caratterizzazione vera e propria: dissacrante, ironica, irascibile. Viene raccontata una bizzarra storia d’amore che ha quale voce narrante la malattia stessa. Egocentrica come una prima donna, onnipotente, aggressiva, impietosa, dotata di una ironia corrosiva, la sclerosi multipla è sguaiata ed ingombrante.

“Avevo gridato al mondo che io dimoravo dentro di lei…. Una coraggiosa decelebrata… Io e lei siamo sideralmente diverse: lei è impulsiva, io rifletto, lei è insicura, io conduco la danza… “.

Il corpo della donna è stato occupato da una entità straniera, come una chiesa profanata, una Troia violata da un cavallo di legno. Una donna obbligata ad una convivenza lunghissima con una presenza sadica e capricciosa, che dopo averle addormentato una mano, l’ha indotta a forza su una carozzina. L’usurpatrice (la bestia) è acida, carognesca, blasfema, la bella è lucida e malinconica. Una vampira di esistenze altrui. Nell’ultimo capitolo, la prigioniera prende la scena: all’ombra piombata che appesantisce sguardo e pensiero, un’ombra che incendia desideri, ma soffoca gli amori. L’autrice né accetta la malattia, né la maledice, si sforza di comprenderla pur sapendo che è una impresa sovrumana. Si è tuffata dentro la devastazione per guardarla in faccia. La tristezza, dice può essere morbida, può scaldare.

Una storia che dà coraggio a chi soffre di qualsiasi malattia e può essere occasione di crescita interiore per chiunque. Si parte dalla malattia per intonare un inno alla vita.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri