Narrativa italiana Romanzi storici La leggenda del morto contento
 

La leggenda del morto contento La leggenda del morto contento

La leggenda del morto contento

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Tra lacrime e sorrisi, La leggenda del morto contento racconta una storia di padri e di figli, di colpevoli e di innocenti, di giustizia e di malagiustizia: ottocentesca, ma solo in apparenza. È il 23 luglio 1843, una mattina d’estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d’avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: no è giornata, sta per alzarsi il vento. L’imbarcazione è presto al largo, in un attimo la tragedia: lo scafo si rovescia, a rive giunge un corpo senza vita. un’imprudenza, una disgrazia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.6  (5)
Contenuto 
 
4.0  (5)
Piacevolezza 
 
4.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La leggenda del morto contento 2018-03-18 07:28:48 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    18 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Contento il morto, contento il lettore

Per Vitali aver abbandonato per la sua narrazione il periodo del “ventennio” per inventare una storia datata circa un secolo prima deve essere stato quasi un trauma, ma, ciò nonostante, i risultati sono stati più che positivi. Bellano in piena dominazione austriaca (ma del periodo asburgico si ha solo un vago sentore) è sempre il ridente paesino che si affaccia sul lago di Como, uno specchio d’acqua questa volta traditore, visto che imprudentemente vi si avventurano con una barca il figlio dell’uomo più ricco del paese in compagnia di un giovane milanese, unico rampollo di un ingegnere dell’Alto Adige. La giornata sembra propizia per una gita, vista la calma piatta, ma c’è chi, appassionato di meteorologia e presente al molo per caso, è quasi certo di un prossimo e improvviso cambiamento del tempo, con vento forte, anzi fortissimo. Cerca di dissuadere i due giovani, ma si sa che a quell’età poco si ascoltano quelli un poco più in là con gli anni e così partono per quello che sarà il loro ultimo viaggio. Questo potrebbe essere definito l’antefatto perché la storia vera, la trama avvincente comincia lì ed è una di quelle narrazioni in cui Andrea Vitali pare divertirsi, quasi fosse partecipe della vicenda e forse con la non recondita intenzione di rendere tale anche il lettore. Così ci troviamo di fronte a un campionario di varia umanità che finisce con il rappresentare gli emblemi della società, personaggi pennellati, descritti una volta tanto con dovizia, curando perfino una certa analisi psicologica. La descrizione del paesaggio e la riproduzione di certe atmosfere sono già qualità innegabili dell’autore e così poco a poco, pagina dopo pagina si sviluppa una storia allettante, perché con quel titolo si è desiderosi di sapere come andrà a finire, che sorprese ci saranno riservate. E Vitali non delude, è capace di far stare sulle corde chi ha gli occhi incollati alle pagine, strappando di tanto in tanto ben più di un sorriso.
Insomma, La leggenda del morto contento mi è piaciuto, anche perché, a differenza di altri romanzi dell’autore comasco, mi è rimasto dentro qualcosa, c’è una morale perseguita fin dall’inizio e che dimostra che passano i secoli, cambiano gli amministratori degli stati, ma l’animo umano è cristallizzato dalle origini e che la ricerca del proprio tornaconto prevale sempre su tutto.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Andrea Vitali
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

La leggenda del morto contento 2013-03-15 19:39:27 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    15 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La leggenda del morto contento - commento di Bruno

Le descrizioni paesaggistiche di Andrea Vitali sono inconfondibili: fuggevoli e nitide, sono istantanee di paesi e atmosfere lacustri, più simili a dagherrotipi in bianco e nero che a foto digitali. Perché spesso i romanzi di Vitali sono ambientati nei decenni passati.
Come “La leggenda del morto contento”, che si svolge nell’ottocento: in piena dominazione austriaca.
Sulla storia narrata aleggia una nuvola che, a forma di cane, sembra governare dall’alto la tragica fine di due giovani, figli del potere economico locale e milanese.
Lepido, sarto-poeta dal naso rincagnato, assiste alla scena del naufragio mortale, nel corso del quale periscono due giovani di buona famiglia. Lepido ha cercato invano di dissuaderli, perché non prendessero il largo nell’imminenza di una tempesta.
I soccorritori recuperano un cadavere, quello del figlio del Gorgia, mentre risulta disperso il di lui amico, Emilio Spanzen.
I fatti successivi si innestano in una società ove la macchina della giustizia e dei personalismi cinicamente richiede che una vittima venga immolata: e, paradossalmente, questa dinamica rende felice il malcapitato innocente, al quale viene assegnato il ruolo di agnello sacrificale.
Verrebbe da chiedersi: è cambiato qualcosa da allora, in questa nostra Italia ove burocrazia e lentocrazia, collusioni di potere e connivenze a volte travolgono i destini di ignari e incolpevoli cittadini?
Andrea Vitali si riconferma autore molto “pop” e in un processo-sipario scolpisce un’impareggiabile “corte dei Miracoli”.
Ove pretore e podestà sono ridicole macchiette.
Ove sfilano umili e popolani, quasi fossero statuine di un immaginario presepe: artigiani, disoccupati, pescatori, comari (la “magnana” la Diomira, la Teresotta, la Cherchelina “piccola, scura, pelosa, con una collezione corallina di verruche sul naso …”, la Strascia che cammina come un’oca …).
Il linguaggio, come sempre, indulge a derivazioni dialettali, comprensibilissime anche a chi non è “del posto”.
E nel finale Vitali regala un’altra delle sue morali malinconiche, dispensata tra sorrisi e sberleffi: la morte azzera i conti, sebbene gli uomini trascorrano la vita in lotte fratricide e insensate! E, nell’equità inesorabile della Signora con la falce, l’umile “morto contento” è esattamente come il rampollo di una famiglia facoltosa. Perché quella legge, sì, quella legge è uguale per tutti!!!

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... "Dei delitti e delle pene" di Cesare Beccaria. O CIcerone.
Dai, sto scherzando! :)
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
La leggenda del morto contento 2013-03-14 19:46:39 lakylucy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lakylucy Opinione inserita da lakylucy    14 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sempre all'altezza del suo genere

Il protagonista: un uomo umile e semplice che solo un giorno ha goduto della propria vita
La protagonista: un perfetto esempio di ignoranza come tante donne di una volta
Le comari: pettegole e bisbetiche come tante donne dei giorni nostri. E poi....che soprannomi!
Gli uomini del paese: sensibilità zero
Gli uomini di potere: meglio perderli che trovarli.
In un contesto estremamente gradevole come il lago di Como, Vitali sa immergere il lettore nell'ambiente in cui si svolge la storia, descrivendo con sensibilità o divertimento tutti i personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi piace il Lario
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
La leggenda del morto contento 2012-10-19 16:19:27 cesare giardini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    19 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oggi come un secolo e mezzo fa...

Siamo a Bellano, lago di Como, alla metà dell’Ottocento. I personaggi di Andrea Vitali animano il paese e caratterizzano questo originale angolo di mondo con i soliti problemi : beghe tra padri e figli, pettegolezzi tra comari inviperite, litigi tra mogli indisponenti e mariti succubi, il cui unico sfogo resta il lavoro inframmezzato da solenni ubriacature… In questo contesto, cui fa da sfondo la magnificenza del lago, con l’intercalare di memorabili tempeste, si ambienta la storia di Lepido, un povero sarto sognatore e amante della natura, marito di una vera arpia ( la Diomira), che suo malgrado si lascia coinvolgere anche per dabbenaggine e scarse capacità comunicative in una tragica vicenda : l’annegamento di due ricchi figli di nobili famiglie, usciti in barca durante le avvisaglie di una tempesta. Il poveretto finisce inguaiato, si becca, pur innocente, sei mesi di galera (per di più in isolamento) e si lascia morire per inedia in carcere, solo come un cane e apparentemente contento (probabilmente per l’affrancamento da una moglie possessiva e arcigna e la conquista di un’agognata beata solitudine). Siamo nell’Ottocento, l’amministrazione è quella del Regio Imperial governo austriaco, con prefetti, podestà, preture e poliziotti dell’epoca : la tanto decantata organizzazione statale non si discosta molto da quanto accade oggigiorno. Potremmo dire : allora come oggi o oggi come allora . Le beghe di paese sono sempre quelle, la giustizia viene amministrata con occhi di riguardo per i facoltosi “padroni” del borgo, i poveri cristi sono guardati con alterigia se non con malcelato disprezzo. Nulla cambia, il mondo gira oggi come allora. Sorprende la ben nota capacità di Andrea Vitali nel renderci attuali le atmosfere di allora, con la descrizione accurata e divertente dei numerosi personaggi, talora scolpiti a tutto tondo, talora tratteggiati come vere e proprie macchiette della commedia dell’arte. Un altro bel romanzo dello scrittore di Bellano, che si può considerare tra i massimi esponenti attuali della narrativa italiana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri romandi di Andrea Vitali
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La leggenda del morto contento 2011-07-19 20:23:07 Tanu
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    19 Luglio, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vitali un pò appannato

Adoro Vitali di cui ho letto tutti i libri ma quest'ultima opera denuncia un certo appannamento del nostro. Il libro racconta la storia di due rampolli di buona famiglia che scompaiono nelle acque del lago. Serve un colpevole ed il povero sarto Lepido, testimone involontario, diventa anche capro espiatorio... La storia stenta a decollare senza graffiare. Forse il libro sconta l'assenza di un protagonista vero e proprio ma soprattutto non vi è nessun personaggio secondario davvero memorabile come nelle precedenti opere di Vitali. Lo stile è sempre molto gradevole ma questa volta il contenuto lascia un pò a desiderare, la storia più che semplice - come le precedenti - è perfin banale. Ovviamente ciò nulla toglie al valore di uno dei migliori scrittori italiani degli ultimi dieci anni ma forse proprio le aspettative sempre alte portano a volte a qualche parziale delusione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Vitali, Camilleri, Carofiglio
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri