Taras Bul'ba Taras Bul'ba

Taras Bul'ba

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Ispirato al modello dei romanzi storici di Walter Scott, di cui però offre una rielaborazione del tutto originale, Taras Bul'ba viene pubblicato per la prima volta nel 1835 nella raccolta Mirgorod. Ambientato nell'Ucraina cosacca in un'epoca non ben definita, tra il XV, il XVI, il XVII secolo, ha come protagonisti il vecchio e valoroso guerriero Taras e i suoi due giovani figli, Ostap e Andrij, che mandati dal padre a istruirsi a Kiev, compiranno al ritorno il loro vero apprendistato nella Seč, la libera comunità dei cosacchi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Taras Bul'ba 2020-06-24 10:27:20 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Giugno, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ordine precostituito e inderogabile

Una società fondata sull’ordine e il rispetto e in cui dogmi tassativi e inderogabili vengono imposti e rispettati tanto da punire nel modo più feroce e severo ogni crimine e ogni elemento che fuoriesca dagli schemi precostituiti, è il teatro dove si svolgono le vicende proposte da Gogol’. A far da principali attori in questo lungo atto sono il padre Taras Bul’ba e i due giovani Ostap e Andrij. A far da padrone, il patriottismo che inonda con i suoi colori gli ambienti circostanti del mondo cosacco. Un mondo con tante restrizioni, isolato e condotto da alcuni denominatori comuni quali l’odio per i turchi e la guerra. Non c’è spazio per il sentimento, non c’è spazio per niente che non sia la gloria, la vittoria. In questo scenario le donne non sono altro che uno strumento atto a far da cornice e con l’unico compito della filiazione, della casa e della famiglia a cui adempiere.
Il ritmo è serrato, le descrizioni non risparmiano niente al lettore, il componimento, seppur breve, arriva dritto come una lama nel cuore, vi si conficca e resta. In questa opera Gogol’ confeziona un racconto in cui è custodito l’intero dogma della conflittualità tra l’affermazione di sé in una società che non ammette altro che l’omologazione. La tenerezza è temuta, l’amore è un sentimento che non ha possibilità di vittoria e che anzi deve essere fermato e placato in ogni modo. La psicologia dei personaggi è forte e ben strutturata tanto da suscitare empatia nel conoscitore che si sente trasportato e completamente immedesimato negli eventi che si susseguono.
Le pagine giungono al loro compimento e alla loro conclusione in modo rapido, conquistano senza difficoltà, sono graffianti, vivide. Un testo forse di piccole dimensioni ma di grande contenuto e di grande riflessione. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Taras Bul'ba 2013-07-03 19:55:14 DanySanny
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    03 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La prosa di Van Gogh ovvero l'epica della brutalit

Sono feroci le pennellate di Van Gogh, brutali sono le descrizioni di Gogol, quasi animalesche. Le poche pause di lirismo sembrano oasi introno al delirio che attanaglia i protagonisti di questo romanzo breve. Uno stile feroce come le battaglie in esso rappresentate, un' orgia di sangue, uomini mutilati, spade e munizioni, in un delirio bellico che poco a poco annichilisce qualsiasi spiraglio di tranquillità. Non sono uomini i protagonisti di Taras Bul'ba, sono cosacchi. Latitano in un'allegria sfrenata, continua, inesauribile, all'interno della Sec, scuola e patria cosacca. Dove poi si trovi è semplici dirlo: tra le steppe russe; se si tratti di XV o XVI o addirittura XVII Gogol non si preoccupa. Sono guerrieri ipnotizzati da un delirio circostante che non lascia spazio a nessun sentimentalismo, a nessuna tenerezza: banchetti e divertimento, soltanto per uomini. Le donne sono strumento per la figliazione. Se poi si chiede ad un cosacco quale ritenga sia la gloria più appetibile, questo risponderebbe: combattere, e morire combattendo. Quasi a far eco a quell'etico spartana, così brutale, da dissolvere anche il legame affettivo per i figli.

In questo clima di patriottismo sfrenato, allegria degenere, eppure in questa società dove l'ordine e il rispetto, quasi l'educazione vengono pedissequamente rispettate, e i crimini puniti severamente, insomma, nel regno dell'antinomia, vengono catapultati, complice lo spirito infaticabile del padre Taras Bul'ba, due giovani, Ostap ed Andrij, che ben presto si assuefanno al mondo cosacco, nel tentativo di difendere la gloria, di incrementare il proprio onore. Eppure il destino, anzi la fatalità (o forse semplicemente l'indole) soffre delle "restrizioni" del mondo cosacco, che fagocitato nel rigido isolamento di pantagruelici banchetti, e avviluppati dall'odio per i turchi, non è in grado di soddisfare i desideri di un giovane. perchè se la guerra è il primo obiettivo da perseguire, nemmeno la più rigida disciplina può placare i sentimenti, tanto più l'amore. Ma il mondo cosacco è il regno della ferocia, e le pagine scorrono rapide come rivoli di sangue, celeri come il sottile istante che separa la vita dalla morte, il tradimento dal rispetto. E' proprio dell'antinomia tra adesione ai valori condivisi e libero spirito personale che un personaggio rimarrà vittima, e per lui non ci sarà redenzione, implacabilmente punito da un etica di gruppo dimentica dei legami di sangue.

Il cuore pulsante di Taras Bul'ba sta proprio nel rapporto conflittuale tra l'affermazione di sé e una società he tende all'omologazione, che timorosa della tenerezza, distrugge l'amore, per una volta sconfitto. Fuggono le pagine, galoppando al seguito dei cosacchi e voltandosi si apre un paesaggio desolato di distruzione, morte, sangue, mentre nelle orecchie echeggiano colpi di sciabola, con un'abilità descrittiva che ricorda nello stile i poemi omerici. Eppure non si è sotto Troia, nel tentativo di vendicare un guerriero offeso, siamo al confine dell'età moderna. La guerra non è mezzo per raggiungere la gloria, ma viene dipinta in tutta la sua inaudita ferocia, in tutta la sua brutalità, nel terrore continuo di un assedio infinito: quello dell'obbligo.

Eppure anche la più brutale delle azioni sembra caricarsi di commovente fragilità dinnanzi all'abnegazione, all'adempimento di un ideale. Il ritmo serrato si scioglie soltanto alla fine, con la tragica consapevolezza, e anche tristezza, non soltanto di vite sconfitte, ma di un epoca al tramonto. Certo è che nessuno vorrebbe vivere in questo libro, ritrovarsi tra implacabili battaglie, respirare sangue, udire i gemiti della morte. Gogol non condanna, non entra nella storia, modula perfettamente lo stile, ora epico-omerico, ora pienamente ottocentesco. Inflessibilità e vendetta si mescolano inesorabilmente, sullo sfondo gli scontri tra ortodossi e musulmani, l'adesione ai valori di gruppo. Certo è che tra tanta distruzione, tra tutto questo sangue, la grigia monotonia della quotidianità non sembra così inappetibile, e stupisce che al termine della lettura si senta qualcosa di rotto , qualcosa di estremamente commovente. Forse perchè anche l'uomo, nonostante tutto, ha pietà del proprio simile, o forse semplicemente è il sollievo di allontanarsi da una brutalità dall'inesausta bellezza, che come il sublime romantico, è fonte di meraviglia. Terrore o attrazione che sia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri