Dettagli Recensione

 
Inferno. I Canti delle terre divise
 
Inferno. I Canti delle terre divise 2016-08-08 12:36:57 Manuela Vitale
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Manuela Vitale Opinione inserita da Manuela Vitale    08 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un inferno deludente

Mi stavo affezionando a questo libro, devo ammetterlo. Mi è sempre piaciuto Dante, adoro il suo Inferno e anche Gungui deve amare molto il grande padre della lingua italiana poichè dimostra fin da subito analogie forti e perfette fra l'Inferno dantesco e il nostro mondo. Il genere è fantasy, senz'ombra di dubbio, ma rientra anche nel genere distopico, se vogliamo. Il tutto è ambientato in un tempo leggermente indefinito, non è chiaro al 100% in che epoca siamo ma è senz'altro futuro. Il protagonista è Alec, un povero ragazzo che vive in un'Europa del futuro e cerca di tirare avanti insieme alla sua famiglia. Non trovandosi nei quartieri più alti, vede scene dall'Inferno, che non è nient'altro che una prigione. L'ho trovata un'idea originalissima, bella, di forte denucia sociale. In pratica, i prigionieri, a seconda del crimine o dei crimini commesi, sono smistati nei vari gironi, che sono descritti molto bene. A essere sincera, mi aspettavo qualcosa in più da Lucifero ma non si può avere tutto dalla vita. Il libro è intenso finchè Alec non arriva in paradiso. Quando poi Alec conoscerà Maj, un'abitante del paradiso, le cose diventeranno meno chiare, e seguire la storia sarà più difficile. Inoltre, la storia d'amore su cui si basa la trilogia è bella, senz'altro, ma non si capisce come fra i due scocchi la scintilla; è come se i due fossero pronti a morire l'uno per l'altro da un'ora all'altra. Un vero peccato, secondo me, perchè l'ambientazione era tra le migliori del fantasy italiano e consiglio la lettura del libro anche solo per questo, perchè davvero merita. Si notano durante la lettura piacevoli stoccate alla politica italiana e non, senza mai sfociare nell'eccessivo. Il pezzo che ho riportato di sopra non è casuale, è un estratto della parte finale e riassume le problematiche e i pregi del libro: un bello stile, bei personaggi, ben strutturati ma con una storia d'amore, che dovrebbe essere la colonna portante, purtroppo, non abbastanza forte (e a mio parere, troppo sdolcinata). La storia continua con altri due libri: Purgatorio e Paradiso. Quindi, l'autore sta seguendo lo stesso percorso di Alighieri e, in alcuni punti, si potrebbero accostare Alec e Dante (ma non esageriamo). Spero che in "Purgatorio", l'autore riprende quella coerenza fra le azioni che dalla seconda metà di "Inferno" è mancata. Consiglierei questo libro soprattutto ai ragazzi, così che si avvicinino al mondo dantesco ma anche a qualche appassionato che vuole vedere fin dove Gungui è riuscito a spigersi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Millennio di fuoco. Seija
Il pianto del corvo
The ancient melody. The oblivion lake
Dracula ed io
L'ottava confraternita
Evelyne. Una donna di nome Dio
Il fuoco di Acrab. La saga del Dominio
La regina del silenzio
Niccolò Spirito
Absence. Il gioco dei quattro
L'accademia di Anjur. Il numero trentuno
La regina rossa
Eymerich risorge
Hania. Il cavaliere di luce
Le lame di Myra. La saga del Dominio
Eternal War. Gli eserciti dei santi