Dettagli Recensione

 
La cercatrice di corallo
 
La cercatrice di corallo 2019-09-30 10:00:59 lapis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
lapis Opinione inserita da lapis    30 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il rosso e il nero

Rosso è il prezioso sangue di pietra che abita gli abissi del mare. Rosso il sole all’alba, foriero di nuove speranze. Rosso il cuore di Regina, che martella nel petto mentre la giovane cercatrice di corallo sussurra la propria promessa d’amore.

Nera è la terra arida e polverosa. Nera la notte, misteriosa e segreta. Nera l’anima di Dolores, in cui fermentano odio e rancore. Dal giorno in cui, piegata dal bisogno e dalla fame, implorò l’aiuto del cugino Fortunato ricevendo un amarissimo rifiuto. Il giorno in cui marchiò col fuoco la propria promessa di vendetta.

Sardegna è terra di leggende e tradizioni, di acque cristalline e grotte oscure, di colori vividi e sentimenti intensi. Vanessa Roggeri ci racconta ancora una volta la sua terra animandola di passioni contrapposte che prendono le sembianze di due protagoniste femminili forti, determinate e coraggiose, legate da unico destino. Il desiderio di rivalsa di Dolores si traduce infatti in un piano diabolico: punire il cugino colpendo la sua amata figlia Regina. Colpirla per mano del proprio stesso figlio. I due giovani invece si innamoreranno, ma riuscirà quel sentimento a salvarsi dalla rabbia e dal livore familiare?

È abile Vanessa Roggeri ad imbastire storie senza tempo, sospese in una dimensione a cavallo tra sogno e realtà, in cui la magia di miti e credenze popolari si fonde con il fascino di un’epoca lontana, quella del primo Novecento, di povertà e marinai dal volto cotto al sole, di miniere di guano e coralline che solcano il mare. Con una scrittura evocativa e finemente ricercata, la Sardegna rivive nelle pagine con i suoi paesaggi e le sue emozioni.

Pur riconoscendo l'indubbia capacità narrativa dell'autrice, rimane tuttavia una fastidiosa sensazione di deja vu. La trama non brilla certo per originalità, tra amori tormentati e faide famigliari di shakespeariana memoria, e non basta, a mio avviso, la suggestiva ambientazione per salvare il romanzo da una certa prevedibilità e stanchezza. Dal punto di vista dell’intreccio ho sicuramente preferito “Fiore di fulmine”; ciò non toglie che la scrittrice sarda sia una penna da tenere d’occhio, da tornare a leggere con interesse.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri