Saggistica Scienza e tecnica L'ordine del tempo
 

L'ordine del tempo L'ordine del tempo

L'ordine del tempo

Saggistica

Editore

Casa editrice

Come le Sette brevi lezioni di fisica, che ha raggiunto un pubblico immenso in ogni parte del mondo, questo libro tratta di qualcosa della fisica che parla a chiunque e lo coinvolge, semplicemente perché è un mistero di cui ciascuno ha esperienza in ogni istante: il tempo. E un mistero non solo per ogni profano, ma anche per i fisici, che hanno visto il tempo trasformarsi in modo radicale, da Newton a Einstein, alla meccanica quantistica, infine alle teorie sulla gravità a loop, di cui Rovelli stesso è uno dei principali teorici. Nelle equazioni di Newton era sempre presente, ma oggi nelle equazioni fondamentali della fisica il tempo sparisce. Passato e futuro non si oppongono più come a lungo si è pensato. E a dileguarsi per la fisica è proprio ciò che chiunque crede sia l'unico elemento sicuro: il presente. Sono tre esempi degli incontri straordinari su cui si concentra questo libro, che è uno sguardo su ciò che la fisica è stata e insieme ci introduce nell'officina dove oggi la fisica si sta facendo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuti 
 
5.0  (3)
Approfondimento 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ordine del tempo 2017-12-22 08:58:36 IlGiganteSegreto
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
IlGiganteSegreto Opinione inserita da IlGiganteSegreto    22 Dicembre, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inception

(Ri)cominciamo analizzando per primo lo stile. Rovelli, prima ancora di essere uno scrittore, è innanzitutto un fisico teorico. Ha sviluppato, nel corso degli anni e delle varie pubblicazioni, un modo di esprimersi, giustamente, più divulgativo e saggistico piuttosto che narrativo. Non devono spaventare quindi alcune sue scelte di punteggiatura ed organizzazione del periodo (virgole contro-intuitive, enumerazioni fin troppo lunghe, eccessivi ripetizione e soffermarsi su alcuni concetti chiave) le quali sono diretta conseguenza del pubblico a cui lui più spesso si rivolge in qualità di fisico (MOLTO in generale, scienziati e filosofi) o del contesto nel quale si ritrova a pubblicare alcuni suoi scritti, ovvero quello universitario (Oxford e Cambridge sono solo un esempio). Egli deve sostenere e dimostrare la tesi del suo libro, ed è legittimo che lo faccia attraverso uno stile più oratorio che non "da scrittura". Le mie 3 stelle non vogliono quindi essere qualcosa di negativo, bensì solo ed esclusivamente un tentativo di separare lo stile di scrittori e letterati di professione da quello di uno scienziato il cui obiettivo, in fondo, non è quello di scrivere "bene", ma di divulgare le proprie conoscenze. Passiamo allora ad analizzare il contenuto di questo romanzo.

Possiamo a gran voce sostenere che il suo punto forte è proprio l'argomento di cui tratta, universale e poetico per ogni uomo, ovvero il Tempo.
Il libro è concepito come un viaggio diviso in tre parti, si comincia nella prima enunciando e spiegando le principali teorie riguardo esso dagli albori fino al 20o secolo, per poi scardinarle tutte con l'ausilio della relatività di Einstein. Dopo avere in seguito cercato di fare capire, a noi comuni lettori più o meno avvezzi a materie matematiche, le altre teorie, quelle più accreditate al giorno d'oggi riguardo il tempo, nella terza parte si "ricostruisce" ciò che si è distrutto nelle precedenti, sfociando in considerazioni più filosofiche che non prettamente fisiche.
"L'ordine del tempo" è quindi di uno di quei libri che "apre la mente" fin dalle prime pagine, che non ha paura di affermare con forza concetti apparentemente paradossali ma in fin dei conti VERI, che non ha paura di considerare l'uomo un'infinitesima parte del Tutto e farci riflettere su quanto gli esseri umani si arroghino talvolta il diritto di considerarsi padroni del loro pianeta, quando in realtà non sono padroni neanche del loro tempo: il tempo, noi, forse non sappiamo ancora cosa è veramente.

Concludiamo analizzando la piacevolezza di questo libro. Ho voluto dare 4 stelle e non il massimo a causa dell'elevate difficoltà ed astrattezza di alcune sue parti. Intendiamoci, Rovelli ce la mette tutta per farci risultare chiaro il suo messaggio, allegando a fondo romanzo circa una 115a di commenti, citazioni e riferimenti, tuttavia la scarsezza di informazioni che possediamo al giorno d'oggi riguardo l'argomento Tempo è tale che alcuni concetti, magari anche spiegati con un lessico semplice, risultino criptici al lettore. Ho dovuto rileggere un po' di volte alcuni passaggi del libro, e ancora adesso che sto scrivendo questa recensione non sono sicuro di averli capiti appieno.
Per quanto, quindi, "L'ordine del tempo" possa essere una lettura appagante, non è assolutamente immediata, scorre piuttosto lenta e deve essere ragionata.
Tuttavia, la non eccessiva lunghezza e l'importanza dei temi trattati lo rendono fino in fondo un libro per tutti, che, anche se con pazienza e dedizione, merita di essere letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ordine del tempo 2017-07-31 09:44:10 cosimociraci
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    31 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non c'è tempo da perdere

Sono sempre stato attratto dai libri di divulgazione scientifica sin da quando lessi "Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo" di Stephen Hawking. Per gli autori del genere la difficoltà maggiore è riuscire a esemplificare argomentazioni, spesso poco intuitive, per offrirle al grande pubblico. Naturalmente non lo consiglierei chi è proprio a digiuno delle basi di fisica o che non sia fortemente invogliato ad approfondire autonomamente.

Carlo Rovelli è più che in grado di spiegare concetti complessi con esempi abbastanza semplici. Alla fine di un paragrafo particolarmente contorto, l'autore suggerisce di fermarsi con la lettura per consentire a noi stessi di interiorizzare il concetto; nota degna di un professore.

La grandiosità di Rovelli non sta solo nel consistente contributo reso alla comunità scientifica ma anche quello di portare a galla l'interesse, a noi comuni mortali, degli ultimi cento anni di fisica che per un certo verso ci sembra ancora fantascienza.

Il concetto di tempo è sezionato, quasi dilaniato, ed affrontato nel tempo dal punto di vista filosofico e scientifico. Per gli scettici che non credono nel contributo filosofico sia stato fondamentale, senza scomodare Aristotele e Platone – all'epoca dei quali i pensatori erano filosofi e scienziati – pensiamo ai più recenti Leibniz (per il concetto di calcolo integrale) e Gödel (teoremi di incompletezza) .

D'altronde, come suggerisce José Rodrigues dos Santos, studiare il materiale che compone la carta e l'inchiostro di "Guerra e pace" non ci dirà mai nulla sul libro ma è necessario un approccio più astratto.

L'ultimo capitolo l'autore mette in ordine le idee ricapitolando tutti gli argomenti trattati, il penultimo forse è particolarmente complesso ed è necessario aver fatto propri i concetti precedenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi preferisce la pura divulgazione scientifica suggerisco "La fisica in casa" di Emiliano Ricci e "La fisica dei supereroi" di James Kakalios.

Per chi ama i romanzi, invece, "L'enigma di Einstein" di José Rodrigues dos Santos.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ordine del tempo 2017-06-26 11:41:57 antonelladimartino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    26 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sfocatura

Il tempo non mi è nuovo: la mia formazione filosofica mi ha portato a rincorrerlo, (forse) a perderlo in tutte le sue dimensioni e declinazioni e possibilità, dall’essere al divenire, dall’infinito al limite, dal panta rei di Eraclito all’eternità immobile di Parmenide. E i filosofi non mancano in questo saggio, un evento limitato nel tempo e nello spazio che lascia il desiderio di approfondire la discussione sul contributo di alcuni giganti come Kant e Platone; ma questo desiderio non è una mancanza, è uno dei pregi di questa sintesi brillante che ci porta a scoprire il disordine di ciò che per definizione dovrebbe dare ordine e ritmo alle nostre vite: alimenta la curiosità e i dubbi, non placa la fame ma al contrario stimola l’appetito.

Non è nemmeno la prima volta che mi avventuro tra i misteri della fisica, sempre a livello divulgativo, e questo mi consente di apprezzare ancora di più la capacità di sintesi dell’autore, oltre alla capacità di coinvolgere il lettore nel suo mondo dove le equazioni si trasformano in metafore che affascinano, che illustrano, che svelano parte del mistero e soprattutto i nostri limiti: la relatività e la gelatina spazio temporale sono serviti in tavola con una semplicità sbalorditiva, che ci lascia assaporare il gusto unico dello stupefacente. L’autore ci fa volare, senza fronzoli in eccesso, senza stancare, senza entusiasmi troppo facili.

L’universo è relazione, movimento, scambio di baci e danza di prospettive, e più esploriamo più scopriamo la sua vastità e la vastità dei nostri limiti, la natura non illusoria ma sfocata delle nostre conoscenze, che sono approssimazione di approssimazione. Non è necessario immaginare un demiurgo: l’universo si mescola da solo e anche la vita forse non è altro che un emergere in questo rimescolamento di cui vediamo poco e male, con la nostra vista sfocata e le nostre curiose pretese di eternità.

Carlo Rovelli è uno scienziato che sa raccontare, sa scegliere le parole, sa accendere le stelle: non perdiamo l’occasione di entrare nel suo mondo di equazioni senza tempo e di voli spericolati con le ali della scienza, che sono limitate ma solide, le uniche adatte a guidarci nel nostro nuovissimo orizzonte sempre più ampio, sempre più sfocato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altra divulgazione, scrittura di qualità.
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Buchi bianchi
Come stanno le cose
Il botanista
Invito alla meraviglia
Helgoland
Spillover
E l'uomo incontrò il cane
Ascesa e caduta dei dinosauri
Quanti
La nascita imperfetta delle cose
Essere una macchina
Il libro degli esseri a malapena immaginabili
Silicio
Mio caro Neandertal
La legge fisica
Le mie risposte alle grandi domande