Saggistica Scienza e tecnica Lo strano ordine delle cose
 

Lo strano ordine delle cose Lo strano ordine delle cose

Lo strano ordine delle cose

Saggistica

Editore

Casa editrice

Come e perché sono sorte le culture? Come si spiega lo sviluppo di pratiche, strumenti e idee quali le arti, l'indagine filosofica, le regole morali e le fedi religiose, la giustizia, i sistemi di governo, l'economia, la tecnologia e la scienza? Perlopiù si risponde a questa domanda invocando una caratteristica peculiare della nostra specie, il linguaggio verbale, insieme ad altri tratti quali l'elevato grado di socialità e un intelletto superiore. Una spiegazione a prima vista ragionevole, eppure carente, giacché trascura il ruolo che i sentimenti e le emozioni svolgono nel motivare le azioni individuali e collettive che danno origine alle culture. Ma c'è di più: se negare a mammiferi e uccelli i sentimenti collegati all'emozionalità, e quindi la coscienza, è tesi ormai insostenibile, ci aspetteremmo tuttavia che pratiche e strumenti culturali fossero possibili, data la loro complessità, solo iti creature molto evolute, dotate di una mente e di una organizzazione cerebrale di livello superiore. Non è così. I sentimenti traggono infatti il loro potere da un principio di regolazione della vita, l'omeostasi, che è riscontrabile in ogni organismo e che gli consente non solo di perdurare, ma di prosperare. Essa è il filo invisibile che unisce le nostre menti al brodo primordiale in cui la vita ebbe inizio. Scopriamo così, non senza stupore, che i batteri, organismi unicellulari privi di mente e di cervello, hanno regolato per miliardi di anni la propria esistenza seguendo uno schema automatico che prefigura comportamenti usati dagli esseri umani nella costruzione delle culture, incluse forme avanzate di socialità e di cooperazione. Se le cose stanno così, l'inconscio umano affonda le radici più in profondità e più lontano di quanto Freud e Jung abbiano mai immaginato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
 
Lo strano ordine delle cose 2018-07-27 14:35:48 antonelladimartino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    27 Luglio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OMEODINAMICA

Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo? Risposte complete ancora non ce ne sono, ma questo splendido saggio fornisce qualche dato in più, ricavandolo dai risultati delle ultime ricerche neuroscientifiche, che confermano le intuizioni di filosofi vecchie di secoli e rivalutano i fondamenti della psicoanalisi classica.

L’autore non usa un linguaggio semplice, ma probabilmente la complessità è inevitabile, indispensabile per demolire certezze illusorie ma consolidate. Non è una lettura leggera, ma l’impegno che esige offre in cambio l’apertura di confini che sembravano invalicabile e ci regala una chiave di lettura preziosa, da usare con cautela per conoscere meglio noi stessi e le contraddizioni della nostra civiltà.

Noi umani non siamo soprattutto intelletto e artificio; il valore della nostra affettività sempre stato trascurato nei nostri tentativi di definirci e di indagare le origini della nostra psiche e della nostra, umanissima, cultura, ma i risultati delle ricerche parlano chiaro e rivoluzionano completamente il ruolo basilare dei sentimenti nella nostra mente, nella nostra coscienza e nella nostra vita sociale. I sentimenti sono immagini, e nascono dal corpo: l’evoluzione stupefacente che dall’omeostasi (ma sarebbe meglio definirla omeodinamica) cellulare porta alla coscienza è spiegata e illustrata con efficacia, anche se richiede impegno.

E così scopriamo che no, non siamo poi così differenti dalle forme più semplici della vita. No, l’intelligenza non appartiene soltanto a noi, non è una prerogativa delle specie animali più evolute e nemmeno degli insetti: la condividiamo addirittura con i batteri, parassiti utili e dannosi, vite minuscole e invisibili che prosperano nel nostro mondo in misura difficilmente immaginabili, anche e soprattutto nel nostro organismo. I batteri fanno parte di noi, in ogni senso. E quanto sono intelligenti! Non è un caso se prosperano più di noi, anche in situazioni ambientali estreme. Non dobbiamo stupirci troppo, se li scopriremo davvero su Marte!

I batteri sono privi di coscienza, di mente e di sistema nervoso, ma non di omeostasi. Cooperazione e competizione non ci appartengono in esclusiva, al contrario hanno radici profonde, che affondano negli albori della vita e che ora fioriscono nelle manifestazioni più complesse della creatività umana. Leggere la vita di questo pianeta come un unico, variegato organismo, di complessità crescente ma privo di differenze sostanziali, non è semplice e nemmeno intuitivo, ma il percorso è appagante e conduce a risultati che possono rivoluzionare la nostra concezione di natura, cultura, umanità.

Una meraviglia da leggere. Non perdete l’occasione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
saggi di psicologia, psicanalisi, neuroscienze, filosofia.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Come stanno le cose
Il botanista
Invito alla meraviglia
Helgoland
Spillover
E l'uomo incontrò il cane
Ascesa e caduta dei dinosauri
Quanti
La nascita imperfetta delle cose
Essere una macchina
Il libro degli esseri a malapena immaginabili
Silicio
Mio caro Neandertal
La legge fisica
Le mie risposte alle grandi domande
Lo strano ordine delle cose