Saggistica Scienza e tecnica Ti sembra il caso?
 

Ti sembra il caso? Ti sembra il caso?

Ti sembra il caso?

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di "Ti sembra il caso? Schermaglia fra un narratore e un biologo", opera di Erri De Luca e Paolo Sassone-Corsi edita da Feltrinelli. Erri e Paolo sono entrambi napoletani. Sono diventati amici. Anche se Paolo vive e lavora in California. Erri comincia a scrivere, e Paolo risponde. Ne nasce una sequenza di missive in cui si parla di dna, di orologio circadiano, di olfatto, dei ritmi che cadenzano le risposte del corpo – e della psiche – alle sollecitazioni ambientali, e più in generale all’universo. Gli studi di Paolo Sassone-Corsi hanno a che fare, per l’appunto, con i geni clock che producono proteine all’interno di ogni cellula, accendendo risposte cicliche che governano le nostre funzioni fisiologiche. De Luca interroga, sollecita, provoca l’amico lontano. Sassone-Corsi cerca sintonie, spiega, si sottrae alla condizione segregata e oscura dello scienziato. Con leggerezza il clima fraterno del carteggio prende la forma di un’avventura dello spirito – Erri e Paolo sanno entrambi che la nettezza di certe risposte scientifiche corre accanto a un mistero che è ragione del sapere ma anche condizione umana. “Perché siamo qui?” è pur sempre la domanda e la risposta che poesia e scienza continuano a condividere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ti sembra il caso? 2013-08-18 18:35:19 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    18 Agosto, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’artista e lo scienziato…

… Due facce della stessa medaglia?

“Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L’altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.”
No, non è una frase tratta dall’opera “Ti sembra il Caso?”, sottotitolata “Schermaglie fra un narratore e un biologo”. E’ un aforisma di Einstein.
Mi hanno sempre colpito gli aforismi degli scienziati, perché spesso enunciano verità in forma poetica.
Questo, o un altro aforisma, ben introduce al clima del dialogo epistolare che si svolge tra Erri De Luca e il biologo Paolo Sassone-Corsi, entrambi napoletani (“Noi due proveniamo da Napoli, abbiamo la notizia di una bellezza che comporta rischio, non offerta gratis”), sebbene il secondo risieda e lavori in California.
Con la chiarezza che è proprietà esclusiva dei grandi, i due si (e soprattutto “ci”) intrattengono su temi fondamentali; io ne esaminerò soltanto alcuni.
Erri ha principalmente il ruolo di porre le domande all’uomo di scienza, Paolo risponde. Ma, ovviamente, spesso i ruoli si invertono, com’è naturale che sia nella dialettica umana.

DETERMINISMO, LIBERO ARBITRIO E CASO

In fondo è il tema posto dal DNA: “E’ scritto nel DNA. Peggio di una sentenza della Cassazione, nessun ricorso è ammesso.”
Così Erri esorta: “Chiariscimi i confini di applicazione di questo acido ingombrante che disegnate a forma di spirale doppia.”
La risposta metaforica è illuminante: “Il nostro DNA è come uno spartito di musica, come una sinfonia di Beethoven. Una sinfonia con tre miliardi di note. Ma non tutto è scritto in quello spartito.”
Dunque, la libertà filtra grazie alla “plasticità del genoma”: “Quello che si diventa con le mille esperienze giornaliere, la memoria di tutti gli avvenimenti di tutti i giorni, che accumulandosi fanno del nostro DNA un calco che assume forme diverse, da individuo a individuo.”
Perché nel DNA “c’è scritto se hai gli occhi azzurri o i capelli neri, ma non se crescendo diventerai poeta, ingegnere o barbone.”
Quindi “siamo l’effetto di due cause combinate … l’incontro di quei due metri di DNA e quel che abbiamo vissuta in quella Napoli che ci accomuna. Quello che c’è da capire … è in quale proporzione le due cause contribuiscono a quel che siamo. E come.”
In tutto questo, poi, c’è un elemento che non va sottovalutato: “Il fattore che più mi piace prendere in considerazione e che in proporzione sorprendente dà forma alle nostre tendenze, è il Caso.”
“Il libero arbitrio … si sviluppa lungo la vita di un individuo come la somma della profezia del DNA e del Caso.”

SENTIRSI PARTE DI UN TUTTO GOVERNATO DA LEGGI COSMICHE

A partire da una curiosità (“Mi attira la coincidenza di forme tra l’immenso e il minuscolo”) e dalla constatazione della comunanza del materiale biologico (“siamo tutti, dentro, un po’ topi, gatti e mosche”), gli studi dello scienziato si concentrano sul ciclo circadiano e sulla sintonia con il fotoperiodo (il rapporto tra la lunghezza del giorno e della notte): “una buona fetta di quasi tremila geni oscilla nella sua funzione in maniera circadiana”.
Le domande dell’artista sono cristalline: “Il nostro sangue reagisce alla luce come fa la linfa negli alberi?”
“La notte è solo il contrario del giorno?”

IL RUOLO DELLA SCIENZA, IL METODO SCIENTIFICO E L’ARTE

Dal colloquio emerge un principio ovvio. Tanto ovvio che quasi sempre viene dimenticato:“C’è bisogno di verità per quanto riguarda l’ambiente, le scelte energetiche e la medicina.”
Ancora una volta le domande dell’artista assumono forma lirica: “Chiedo, come i bambini chiedo, se sentite anche voi nei vostri laboratori, negli esperimenti, l’incombenza addosso dell’immensa macchina celeste.”
E la risposta non è da meno: “Uno scienziato nel suo laboratorio non è soltanto un tecnico, è anche un bambino di fronte a fenomeni naturali che lo impressionano come un racconto di fate.”
Quindi il dilemma scienza-arte si ricompone: “la poesia e la scienza sono vicine, anzi per me sono la stessa cosa. Sono due modi diversi di leggere la Natura.”

Nella mia vita, personalmente ho sempre privilegiato la dimensione letterario-artistica. Perché mi sento rapito dall’atteggiamento di chi “guarda il mare con l’emozione giusta, sentendone il profumo, con il semplice immaginare la vita che c’è dentro – e sentirsi parte di un pianeta.”
Posso dire che questo libro regala intuizioni che rendono familiare la scienza (mi scuserete la circolarità del ragionamento!) esattamente come gli aforismi di Einstein?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... gli aforismi di Einstein
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ti sembra il caso? 2013-04-06 15:04:58 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    06 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La poesia del DNA

Uno scienziato nel suo laboratorio non è soltanto un tecnico, è anche un bambino di fronte a fenomeni naturali che lo impressionano come
un racconto di fate.Dobbiamo avere un mezzo per comunicare questo
sentimento all'esterno, non dobbiamo lasciar credere che ogni progresso scientifico si riduca a macchine o ingranaggi".
Maria Sklodowska,detta Manya, sposata Curie, Premio Nobel per la Fisica e la Chimica.

Non so se avete mai visto le sculture dell'artista australiano Ron Mueck, giganteschi corpi umani che di primo acchito scioccano, ma è questa sorpresa che ti spinge a pensare al tuo corpo in modo completamente diverso,sembra di osservare un nuovo pianeta. Quando ho letto la prima volta le riflessioni di Erri De Luca e Paolo Sassone-Corsi, rispettivamente narratore e biologo,sul corpo umano e su quella straordinaria "profezia" che è il nostro DNA, ho avuto come l'impressione che le parole dello scrittore e dello scienziato fossero le funi di un'arrampicata su quei corpi giganteschi, da lassù la poesia mi illustra il mio corpo come un prodigio ancora
più intrigante, la scienza mi dona la De rovolitionibus copernicana, la capacità dell'outside the box, come dicono gli inglesi, pensare fuori dai dogmi, quella senzazione che portò Alezander Fleming a leggere in quella muffa la penicillina, ma pensare che gli Egizi millenni prima usavano già l'impasto di pane ammuffito per combattere le infezioni , mi fa capire quanto il dogma puo accecare, rimandando a volte per millenni una scoperta. Vi consiglio quest'arrampicata sul corpo umano guidati da Erri De Luca e Paolo Sassone-Corsi, scoprirete che "la scienza e la poesia sono vicine,anzi la stessa cosa.Solo due modi diversi di leggere la Natura". Scoprirete che lassù è esaltante arrivarci insieme (siamo il Contrario di Uno!) , così Emiliana ,scienziata e moglie di Paolo
ci descrive l'arrivo in cima in due come facevano Pierre e Marie Curie,cancella la fatica raddoppia la gioia. Chiudo l'ultima pagina del libro ed ho la sensazione che anche questo testo di De Luca sia come un "Nocciolo d'oliva": questo nocciolo lo tengo in bocca, ne voglio assaporare tutta l'acuta poesia, mi regala intelligenza questo narratore, nel senso latino di "inter ligere", legare insieme: la poesia e la scienza.

di Luigi De Rosa


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri