Antica madre Antica madre

Antica madre

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Numidia, 62 d.C. Una carovana avanza nella steppa, scortata da un drappello di soldati agli ordini del centurione di prima linea Furio Voreno. Sui carri, leoni, ghepardi, scimmie appena catturati e destinati a battersi nelle venationes, i rischiosissimi giochi che precedevano i duelli fra gladiatori nelle arene della Roma imperiale. La preda più preziosa e temuta, però, viaggia sull’ultimo convoglio: è una giovane, splendida donna con la pelle color dell’ebano, fiera e selvatica come un leopardo… e altrettanto letale. Voreno ne rimane all’istante affascinato, ma non è il solo. Appena giunta nell’Urbe, le voci che presto si diffondono sulla sua incredibile forza e sulla sua belluina agilità accendono l’interesse e il desiderio dell’imperatore Nerone, uomo vizioso e corrotto al quale nulla può essere negato. Per sottrarla al suo destino di attrazione del popolo nei combattimenti contro le bestie feroci e toglierla dall’arena, dove prima o poi sarebbe andata incontro alla morte, Voreno ottiene il permesso di portarla con sé come guida nella memorabile impresa che è sul punto di intraprendere: una spedizione ben oltre i limiti del mondo conosciuto, alla ricerca delle sorgenti del Nilo che finora nessuno ha mai trovato. Spedizione voluta dallo stesso imperatore – su suggerimento del suo illustre consigliere, il filosofo Seneca – non solo perché spera di ricavarne grande e imperitura gloria, ma anche perché spera di allargare i confini delle terre conosciute ed estendere così i domini di Roma. E sarà proprio nel corso di questa incredibile avventura, fra monti e vulcani, piante lussureggianti e animali mai visti, che Varea – cioè “solitaria”, come rivela di chiamarsi la donna – svelerà il proprio insospettabile segreto.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Antica madre 2020-01-08 21:23:46 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    08 Gennaio, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sorgente del Nilo, sorgente del mito

Anno 62 d.C.
Il centurione Furio Voreno sta attraversando l'inospitale e arida steppa numidica per rientrare a Roma, carico di soldati a lui sottoposti e di fiere da destinare alle venationes, sanguinarie sfide nelle arene imperiali in cui gli animali selvatici vengono cacciati e uccisi: tuttavia, nell'ultimo convoglio, è presente una 'splendida donna... scura nel suo corpo lucente' che afferma di chiamarsi Varea, dotata di forza sovrumana e con indosso un monile dai geroglifici indecifrabili. Le voci, tra fascino magnetico e timore reverenziale, giungono sino a Nerone, il quale non ascolta le suppliche di Voreno e costringe la donna ad affrontare leonesse, guerrieri celti, leoni mauretani e un misterioso e possente Ercole nero: una serie di duelli sempre più rutilanti destinati a concludersi con la morte certa della giovane, fino a quando le leggende che ruotano attorno alla sorgente del Nilo, allora inesplorata, non stuzzicano la vorace curiosità dell'imperatore. Voreno, a capo della spedizione, non si lascia sfuggire l'occasione e ottiene il permesso di portare con sè Varea per agevolare le comunicazioni con le tribù indigene, ma ben presto la donna rivelerà il suo misterioso legame a una profezia millenaria dal quale dipenderanno le sorti dell'intero viaggio.

E' con la consueta dovizia di particolari che Manfredi ci pone di fronte a un viaggio temporale che abbraccia dodici secoli e che affonda le proprie radici nel decennale assedio di Troia, con lo scontro fra Memnon-Memnone e Akireu-Achille, passa attraverso la figura di Attilio Regolo nella prima guerra punica e infine si conclude con l'impero del figlio di Claudio e di Agrippina minore: una figura ambivalente e centrale in un'epoca storica conturbante che stride con i valori dei guerrieri più nobili e valorosi e con il trionfo estetico della Città Eterna.
Una dicotomia che, tuttavia, non metterà in chiaroscuro il fascino delle ville a strapiombo sul golfo di Napoli, le cascate spumeggianti della foresta dell'Atlante, le imponenti piramidi, la tomba di Alexandros e il tempio di Ramses II e di Nefertiti: luoghi ricchi di Storia e dai profumi ancestrali, lungo i quali si (di)spiegheranno intrecci amorosi, spionaggi e usi e costumi paradossalmente opposti e uguali allo stesso tempo. Il tutto raccontato attraverso un lessico semplice e lineare e un registro che alterna con estremo equilibrio azione, pathos, descrizioni e riflessioni prima di un finale tragico, ma che lascia comunque spazio a una speranza e a un capitolo successivo meritevole di essere gustato in tempi brevi, brevissimi.

Sbrigatevi a partire: i Monti della Luna, esotici e incontaminati, vi attendono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Antica madre 2019-12-10 19:02:49 Giuliano
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Giuliano    10 Dicembre, 2019

Niente di nuovo

La cosa più bella del libro è la sovracopertina con i disegni di Diana Manfredi, veramente bella.
Dopo vent’anni di libri di Manfredi dove storia ed epica del romanzo andavano a braccetto con racconti che lasciavano il segno, l’autore si è preso una bella vacanza con un romanzetto rosa e delicato, scontato, con passaggi che toccano la vita della Roma dell’epoca per mantenere un filo conduttore che scappa dalla città eterna fino alla risalita della corrente del Nilo, con una fretta che non premia il lettore. Il viaggio sul fiume leggendario risulta banale, non paragonabile a quelli rappresentati da altri autori in opere recenti, con accelerazioni che sottintendono la voglia di arrivare in fretta all’ultima pagina e allo scontrino in libreria.
L’eroina Marvel che salta come un grillo e abbatte lottatori e gladiatori sotto l’occhio lacrimevole del povero Voreno sono difficili da sostenere anche per chi si propone con un patto narrativo forte.
Comprendiamo il bisogno di fatturare, ma non la qualità di questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Niente di nuovo
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri