Emilio Emilio

Emilio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

L'"Emilio", insieme al "Contratto sociale" l'opera più famosa e più diffusa di Jean-Jacques Rousseau, fu pubblicato nel 1762. Trascorsi oltre due secoli, nulla di Rousseau è andato perduto. I temi fondamentali della sua ricerca sono ancora attualissimi; anzi, hanno conosciuto una vitalità straordinaria anche nei nostri anni, quando si è avvertita universalmente la necessità e l'urgenza di difendere la naturalità dell'uomo dalle sovrastrutture che minacciano di soffocarla.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Emilio 2016-06-28 07:26:40 Pelizzari
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    28 Giugno, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Educare è formare uomini

Il vero protagonista dell'opera è lo stesso autore, il filosofo Rousseau, che incarna il ruolo del maestro. L'autore privilegia la forma del dialogo ed è con dialoghi che si rivolge ai lettori, proponendo teorie e idee a sfondo pedagogico. Il maestro costruisce scenari e fornisce occasioni di scoperta e invenzione al suo allievo immaginario, il quale dovrà risolvere ogni problema con l'aiuto delle proprie sole conoscenze. Il testo è suddiviso in cinque libri: si apre illustrando il principio della bontà originaria dell'uomo ed affronta quindi la sua successiva degenerazione nei rapporti sociali; il secondo libro è quello dedicato all’educazione dei sensi ed affronta la seconda età evolutiva, che va dai 3 ai 12 anni; il terzo libro è dedicato all’educazione dell’intelletto e tratta l’età dai 12 ai 15 anni, periodo contraddistinto dalla curiosità. Il quarto libro è quello che tratta maggiormente i rapporti con la società ed affronta l’educazione nel periodo dai 15 ai 20 anni: i temi centrali sono la morale religiosa, i sentimenti e la coesistenza tra le persone. Il quinto libro tratta la figura femminile. La lettura del testo non è immediata: si tratta di un testo fondamentalmente filosofico scritto nel ‘700 ma ne consiglio fortemente l’analisi per tutti gli insegnanti ed i genitori che hanno primariamente un ruolo educativo in qualsiasi periodo storio. L’obiettivo primario dell’opera è infatti quello di offrire spunti di riflessione sull'educazione, impartita da natura, uomini e cose ed è un testo che può permettere di riscoprire metodi educativi che sarebbe bene rispolverare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri