I Watson I Watson

I Watson

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La famiglia Watson si ritrova nella situazione – ben nota alla scrittrice, che dopo la morte del padre visse un periodo di ristrettezze economiche – di dover mantenere un certo decoro senza averne i mezzi. Trovare un buon partito, allora, sembra l’unica via di salvezza da un destino altrimenti segnato. Ma l’orgogliosa Emma, a differenza delle sorelle, vuole sottrarsi alla contesa per i pochi scapoli abbienti del paese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I Watson 2014-06-13 17:51:57 Lea
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lea Opinione inserita da Lea    13 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ma vissero felici i contenti?

“Emma, naturalmente, non si lasciò influenzare da questa prospettiva, anche se la sua stima per Elizabeth aumentò, e gli ospiti partirono senza di lei.”

Così finisce il libro “I Watson”, con buona pace dei lettori che sognavano un dolce lieto fine alla “Orgoglio e Pregiudizio”: Jane Austen è stata costretta a lasciare il manoscritto incompiuto dalla morte che l’ha colta nel 1817, con personaggi e intrecci che promettevano sviluppi interessanti in sospeso.
Emma Watson, allevata da ricchi zii fino all’adolescenza, è costretta a fare ritorno a casa alla morte dello zio, a cui è seguito il trasferimento della zia in Irlanda al braccio del nuovo marito: la ragazza dovrà affrontare il duro impatto del reinserimento in una famiglia che ha abbandonato in tenera età e che le è quindi estranea, squattrinata a causa dell’infermità del capofamiglia.
L’arrivo di Emma crea sensazione, anche solo per il suo aspetto grazioso e vagamente esotico, destando le attenzioni del paese e di gentiluomini come il taciturno Lord Osborne e lo scafato Tom Musgrave, attraverso i quali l’autrice riesce a gettare le basi degli intrecci amorosi che dominano anche le sue altre opere.
Della famiglia di Emma si riesce a sapere poco, se già si coglie la bontà e la semplicità della sorella Elizabeth, appena tratteggiate sono le altre due, Margaret, di umore volubile e priva di reale interesse verso la sorella ritrovata, e Penelope, la quale non fa nemmeno in tempo ad entrare in scena che già appare problematica.
Con il suo consueto stile fresco e frizzante, Jane Austen offre l’ennesimo spaccato inglese della sua epoca, con personaggi che possono assomigliarsi ma che non sono mai gli stessi, la solita sfilata carnevalesca di virtù e vizi che attira ogni volta molti spettatori.
L’atmosfera della campagna inglese è il perfetto miscelarsi di allegrie di balli, viaggi in calesse, partite a carte, ma la logica che regna sovrana, sempre a braccetto con il pettegolezzo più salace, è quella del matrimonio vantaggioso al più presto: unica tra le sorelle che non fa in tempo a sospirare per colpa di Cupido è proprio Emma, mentre le restanti sorelle hanno già sperimentato la loro dose di pene d’amore.
La febbre della “caccia al marito” è la malattia preferita nei romanzi della Austen, ogni mossa all’interno delle barriere di perfetta cortesia inglese e sullo sfondo la campagna che sembra cristallizzata, lontana dalla frenesia cittadina, ma animata briosamente dai personaggi che l’autrice mette in scena.
Resta da chiedersi se abbia senso leggere un libro senza finale; almeno per gli appassionati della Austen, la risposta è sicura: anche in un assaggio di romanzo, l’autrice stuzzica a sufficienza il lettore, tanto da fargli considerare preziosa la nota finale nell’ultima pagina, dove, tramite carteggi e diari, si riesce ad intuire qualcosa di più sul seguito.
Per i non appassionati, che facciano un tentativo: almeno avranno la possibilità di decidere come va a finire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
I Watson 2014-05-29 13:00:35 AlexisKami
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
AlexisKami Opinione inserita da AlexisKami    29 Mag, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Miss Emma Watson

No, non l'attrice che ha interpretato Hermione Granger, ma la protagonista di questo piccolo delizioso libro di Jane Austen.
Per essere il primo romanzo che leggo di questa autrice, mi ha colpito molto positivamente.
Le parole scorrono una dopo l'altra quasi magicamente, e anche se forse alcuni discorsi tra i personaggi o atteggiamenti da tenere in società possono sembrare un po' antiquati per la nostra epoca, non risultano pesanti o difficili da interpretare.
Colpisce molto il senso di estraneità di Emma nella sua stessa casa, circondata dalle sue stesse sorelle e fratelli che non vede da anni, lei che ora è costretta a vivere in una condizione sociale ed economica diversa da quella in cui è cresciuta, oltrettutto circondata da scapoli che le fanno la corte e sorelle che spettegolano su questi ultimi.
Le ultime pagine, dove sono racchiusi i sentimenti ed i pensieri di Emma sono molto toccanti, l'unica pecca di questo libriccino è che la storia è incompiuta, nonostante ci sia un piccolo riferimento della trama in generale, frutto del nipote dell'autrice.
Non sappiamo come va a finire ed è un vero peccato, dispiace non sapere che cosa ne sarà della gentile e graziosa Emma.
Solo per questo ho messo 4 stelline al contenuto, perchè per il resto è piacevolissimo.
Lo consiglio comunque a chi vuole avvicinarsi a questa autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri