Narrativa straniera Classici Il vagabondo delle stelle
 

Il vagabondo delle stelle Il vagabondo delle stelle

Il vagabondo delle stelle

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Solo un «realista selvaggio» come Jack London poteva gettarsi in una vicenda così temeraria, che a partire da uno scenario che ricorda Forza bruta ci fa veleggiare nel cosmo e nelle epoche con stupefacente naturalezza. All’inizio siamo infatti nel braccio degli assassini di San Quentin, in California, dove il protagonista viene regolarmente sottoposto alla tortura della camicia di forza. Ma in quella condizione disperata, con feroce autodisciplina, riuscirà a trasformarsi in un moderno sciamano che attraversa le barriere del tempo come muri di carta. Amato da lettori fra loro distanti come Leslie Fiedler e Isaac Asimov, Il vagabondo delle stelle, ultimo romanzo di Jack London, è anche il suo libro più originale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (4)
Contenuto 
 
3.8  (4)
Piacevolezza 
 
3.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il vagabondo delle stelle 2021-04-21 06:36:38 Molly Bloom
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Molly Bloom Opinione inserita da Molly Bloom    21 Aprile, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Guardare nel passato

Quando guardiamo il cielo stellato, guardiamo al passato. Quello che noi vediamo non sono le stelle attuali, non le vediamo in tempo reale come si suol dire ma vediamo la loro luce che è arrivata al nostro occhio dopo anni e anni, in base a quanto lontane esse siano. Persino il sole che guardiamo, non lo vediamo in tempo reale ma vediamo il sole di otto minuti fa. Nel "Vagabondo delle stelle", Darrel Standing fa la stessa cosa. Chiuso nel braccio della morte e in attesa di essere impiccato, soffocato nella camicia di forza, strumento di tortura che l'autore denuncia ferocemente, Darrel trova il modo di evadere e vagabondare tra le stelle, ossia nel passato, nelle sue vite precedenti. Le tematiche cardine sono due e si intrecciano per tutto il percorso della narrazione: da un lato c'è l'aspetto sociale di denuncia del sistema rigido carcerario e della pena di morte, istituzione quasi criminale dove le guardie sono per lo più persone ignoranti e crudeli che dispongono a proprio piacimento dei detenuti. A tal proposito London accusa anche i cittadini che attraverso le loro tasse nutrono e pagano questo sistema dandogli modo di esistere, facendosi essi stessi complici. Dall'altro lato invece, collegato a queste sue vite passate, c'è l'idea della reincarnazione e dell'immortalità dello spirito e che, in alcuni casi, può addirittura conservarne memoria come nel caso di Darrel Standing. Così si avvia una narrazione a spirale che unisce i due argomenti.

Di Jack London avevo letto solo "Martin Eden" che mi è piaciuto molto di più. Qui invece mi è mancato qualcosa. Sicuramente ho trovato più interessante la parte di denuncia sociale che è anche quella più introspettiva, mentre se all'inizio mi piaceva l'idea dei racconti di queste sue vite passate, alcuni dei quali davvero interessanti, dall'altra parte alla lunga sono diventati monotoni ed era come leggere quasi una raccolta di brevi racconti. Non ho trovato nemmeno un finale soddisfacente in quanto si sa già dall'inizio la fine che toccherà al protagonista e anche la morale è già ampiamente discussa nel contenuto. Fa un po' senso sapere che a breve distanza dalla pubblicazione di questo romanzo, Jack London è venuto a mancare, quasi destinato alla morte al pari del suo protagonista che scrive le sue ultime memorie, e lui, il suo ultimo romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il vagabondo delle stelle 2016-01-09 09:29:20 Pelizzari
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    09 Gennaio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita è spirito

Questo libro è un viaggio. Ed il viaggiatore è un ergastolano rinchiuso in carcere e condannato alla pena capitale. Sembra un controsenso ma è così. Il protagonista è un uomo che ha trascorso tanti anni in cella di isolamento, ma che è riuscito ad attingere ad una libertà che solo pochi conoscono. Ha sofferto la segregazione più dura ma è riuscito a vagare per il mondo, attraverso i paesi ed attraverso il tempo, autoisolandosi ed autosopprimendosi nel corpo, ancora di più di quanto lo costringeva la sua condizione, per lasciare libero il proprio spirito di andare oltre a quelle sbarre e percorrendo anche le proprie vite precedenti, quindi andando oltre anche il tempo presente. Quando si è in isolamento, ci si stanca anche di se stessi ed il sonno diventa l’unica via di scampo. Attraverso il sonno, il protagonista percorre i meandri della propria mente, diventa padrone dello spazio e del tempo, balza oltre le mura del carcere per vagare fra le stelle e sentirsi pienamente vivo e libero. Il testo è ricco dei racconti delle vite precedenti, in particolare ho apprezzato il capitolo dedicato alla vita del naufrago. Ed è un continuo alternarsi tra condizione attuale e racconti del passato; è proprio questa altalena narrativa che dà pienamente il senso di quello che è il messaggio principale del libro, ovvero che il corpo è destinato ad una fine, ma che la vita è spirito e quindi noi siamo di fatto immortali. Il racconto del presente ci permette inoltre di entrare nel personaggio e capire che gli animi forti non sono mai docili. Il contenuto è di altissimo livello. A volte la narrazione risulta un po’ rallentata quando i particolari delle vite precedenti abbondano forse un po’ troppo di dettagli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il vagabondo delle stelle 2015-12-06 11:36:15 Gaetano91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gaetano91 Opinione inserita da Gaetano91    06 Dicembre, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio nell'universo meraviglioso della mente.

La vicenda è quella di un internato a vita in un carcere di massima sicurezza. Le continue torture e l'isolamento quasi totale che subisce lo sfortunato detenuto, lo portano a volersi a tutti i costi isolare dalla propria vita terrena. Lo fa nel modo più avvincente possibile: viaggiando nel tempo, incarnando altri corpi lontanissimi dal suo stato attuale. La mia opinione è che questo libro rappresenta la barbarie che determinati regimi carcerari possono manifestare nei confronti dei detenuti, ma soprattutto esso col suo contenuto a volte fantasioso vuole esprimere le potenzialità enormi della mente umana che può crearsi un mondo a sé, sia in veglia che nel sonno più profondo. Un libro che mi ha affascinato e portato a viaggiare in epoche e storie che non conoscevo, e che mi ha fatto riflettere su quanto è effimera e nulla la condizione della vita umana su questa terra. Assolutamente da leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il vagabondo delle stelle 2015-10-27 15:40:37 Elisabetta.N
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    27 Ottobre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vagabondare tra le vite passate

Il vagabondo tra le stelle racconta la storia di Darrell Standing, condannato per aver commesso un delitto, che, attraverso la tortura della “giacca” (una camicia di forza legata talmente stretta da far provare dolore), riesce ad entrare in uno stato spirituale durante il quale ripercorre le sue vite passate.
È evidente pertanto che il romanzo si articola così in due parti; troviamo quindi le varie storie delle vite passate di Darrell che mi hanno incuriosito molto, e la storia principale della vita in carcere, delle sevizie subite e dei dolori patiti.
Non c’è una netta suddivisione tra le due parti che si mescolano all’interno del romanzo seguendo le tempistiche delle torture subite dal protagonista.

Il tono cupo delle descrizioni della vita carceraria mi ha molto colpito.. la routine, le falsità, ma anche le paure di chi non dovrebbe avere paura..
Certamente un libro di denuncia scritto da chi non ha paura di dire (o, in questo caso, di scrivere) le cose come realmente stanno.
Ammetto di non amare in modo particolare i romanzi di denuncia anche se questo mi ha comunque intrattenuto abbastanza piacevolmente grazie alle storie delle vite passate.

Un libro da leggere almeno una volta nella vita

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri