Narrativa straniera Classici La leggenda di San Giuliano Ospitaliere
 

La leggenda di San Giuliano Ospitaliere La leggenda di San Giuliano Ospitaliere

La leggenda di San Giuliano Ospitaliere

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Flaubert, padre del Naturalismo francese, si cimenta in un'agiografia del tutto particolare, nella quale la vita del giovane, irruento e sanguinario Giuliano viene descritta con fredda lucidità, fino all'apologo finale e alla definitiva redenzione e susseguente ascensione celeste. Una parabola cruda, un destino ineffabile, il perseguimento dell'assoluto (bene o male che sia) in un esempio di stile e levigatezza tutt'ora godibile.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La leggenda di San Giuliano Ospitaliere 2011-10-11 12:31:35 Francescoroma73
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Francescoroma73 Opinione inserita da Francescoroma73    11 Ottobre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"La leggenda di San Giuliano Ospitaliere" di Gusta

L’eccezionalità de “La leggenda di San Giuliano Ospitaliere” sta nello stile scorrevole ma dal lessico ricercato che conferisce una straordinaria eleganza al racconto che fa parte di una trilogia. Flaubert pensò molto a questa opera dove è racchiusa una leggenda, appunto, di un santo venerato ancor oggi soprattutto a Macerata. Un uomo spietato con tutte le armi, massacratore di animali e, nella foga, anche dei suoi genitori. Colpisce la sua voglia di avere in sé l’odore di belva, sopita dalla moglie, ma da essa involontariamente risvegliata con la ripresa di una tragica battuta di caccia che lo trascina negli inferi di una predizione terribile del cervo ferito. Quello che pagherà successivamente Giuliano verrà prima ingigantito e poi santificato da una figura dell’Eterno nel contesto di un congiungimento talmente fisico da sorprendere il lettore commuovendolo come non accade spesso. L’effetto è veramente dirompente come è assoluta la dicotomia del personaggio che però, oltre all’autorità del condottiero ha anche la forza interiore di un santo con la sua capacità di redenzione che lo porta a obbedire agli ordini del lebbroso divino. Basato su tre premonizioni il racconto contiene un vigore che lo fa vivere totalmente in apnea recando un immenso godimento

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri