Narrativa straniera Racconti La luce smeraldo nell'aria
 

La luce smeraldo nell'aria La luce smeraldo nell'aria

La luce smeraldo nell'aria

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La luce smeraldo nell'aria raccoglie i suoi racconti dal 1999 al 2014, apparsi originariamente sul «New Yorker». Le cose più semplici diventano disastrose nelle storie di Donald Antrim. Che si tratti di scroccare una sigaretta a una festa, di far compere con la moglie nell'Upper East Side o di portare un bambino allo zoo, tutto diventa complicato se chi deve eseguire questi semplici compiti si rifiuta di collaborare. Anzi, il più delle volte non si limitano alla scarsa collaborazione: i protagonisti di Antrim mettono in piedi dei piani deliziosamente complicati di sabotaggio, degni di chi sembra nato sotto le stelle zodiacali dell'autodistruzione. La festa durante la quale Jonathan cerca affannosamente una sigaretta è per il lancio di un libro che non ha letto e avrà delle conseguenze sul suo rapporto con Sarah. Un giro di compere nell'Upper East Side fra un marito di mezza età e una moglie assai più giovane si trasforma in un'inquietante ricerca di conferme reciproche tra una coppia molto disturbata, dipendente dagli psicofarmaci. La gita allo zoo di Patrick con un bambino che parla a monosillabi, figlio della sua compagna, si arena tra i fumi dell'alcol di un bar scalcinato... Eppure, in tutti questi racconti, c'è sempre un istante in cui il disagio si ribalta all'improvviso nella consapevolezza. Insomma: nelle storie di Donald Antrim le cose più disastrose diventano luminose epifanie, laceranti momenti di conquistata saggezza.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La luce smeraldo nell'aria 2017-03-30 13:58:26 Antonella76
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    30 Marzo, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nevrosi & Co. made in New York



Il mio rapporto con questo libro è stato strano, un po' combattuto: ho iniziato a leggerlo piena di belle speranze impattando con un primo racconto che mi ha lasciato fredda, indifferente, anche un po' infastidita dal fatto di non essere riuscita a capirlo...
Stringo i denti e vado avanti, leggo il secondo, ma le sensazioni non cambiano.
Percepisco qualcosa di stonato, ma non riesco ad identificare di cosa si tratti, qualcosa mi sfugge...
Lo abbandono.
(Non senza sensi di colpa, perché io sono fatta così...)
Proprio quando ormai non ci pensavo più, leggo una bellissima recensione su questo libro, capace di darmi una visione d'insieme molto vicina a quelli che sono i miei gusti.
Al che mi sono detta "possibile che io mi debba perdere tutto questo? cosa non ho compreso?" e soprattutto "perché?".
Insomma l'ho ripreso, non ho riletto i racconti incriminati e sono andata avanti...
Dal terzo racconto in poi ho incominciato a capire dove mi stesse portando l'autore, quale scenario volesse mostrarmi...uno scenario popolato da persone sconfitte, infelici, sull'orlo del baratro, schiacciate dalla paura del prossimo fallimento e convinte di poterlo sopportare solo a forza di pillole ed alcool, ma ancora capaci di sperare...
Ho finalmente capito quale fosse quella "nota stonata" che percepivo all'inizio e che mi bloccava: i protagonisti di Antrim non sono semplicemente infelici o segnati da esperienze dolorose...sono disturbati, alienati, la cui dipendenza da alcool e psicofarmaci ti sovrasta, va al di là di ciò a cui ci ha solitamente abituato la letteratura americana, non siamo fra gli uomini e le donne di Carver che bevono per scacciare il male di vivere e parlano anche attraverso i loro silenzi.
No, qui ci troviamo di fronte a qualcosa che è andato oltre...clinicamente oltre.
Siamo nella sfera delle nevrosi psichiche, siamo in balia dello spettro del suicidio che incombe perennemente sulla testa dei nostri.
Eppure, alla fine, dal profondo di questa alienazione riesce ad emergere sempre un lampo di lucidità che li mantiene in superficie, che rimanda il tracollo totale.
Ed Antrim fa un'altra cosa che ho trovato spiazzante (piacevolmente spiazzante)...riesce ad inserire in queste storie laceranti e distruttive un tocco di ironia che le rende tragicomiche.

Il racconto che ho preferito è stato "Lui sapeva"...forse perché è stato quello in cui ho maggiormente percepito la consapevolezza della triste condizione di una coppia in difficoltà, che annaspa per mantenersi a galla, che guarda il mondo attraverso gli occhi appannati di chi ha bisogno di bourbon, valium e betabloccanti per non pensare a soluzioni alternative senza possibilità di ritorno.
Un uomo e una donna che sembrano votati unicamente all'autodistruzione, ma che, nonostante tutto, la notte continuano a dormire "a cucchiaio" sognando un figlio, sognando di diventare la famiglia che forse non saranno mai...

Leggere questi racconti alla luce delle esperienze personali dell'autore poi assume tutto un altro senso: figlio di una madre alcolista, lo stesso Antrim è stato a lungo ricoverato in una clinica psichiatrica (proprio dopo aver scritto un memoir sulla morte della madre)  col solo desiderio di morire...

Sono stata felicissima di aver ripreso la lettura di questo libro, mi sarei persa una raccolta di racconti tagliente, affilata e disperata, capace di guardare dentro la cavità del malessere mentale senza però finirci dentro, ma riuscendo a scorgere in lontananza, in fondo in fondo al tunnel, un bagliore di luce...quella luce che, dopo un fortissimo temporale, assume proprio la tonalità del verde smeraldo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa
Paranoia
Tre donne
I tre sconosciuti e altri racconti