Narrativa straniera Racconti La vista da Castle Rock
 

La vista da Castle Rock La vista da Castle Rock

La vista da Castle Rock

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Due filoni apparentemente distinti in questi nuovi racconti di Alice Munro: la storia familiare, ricostruita a partire dall'antenato scozzese Will O'Phaup, e la narrazione autobiografica, dall'infanzia all'attuale maturità dell'autrice. Sullo sfondo, la storia collettiva: le difficili condizioni economiche della Scozia del XVIII secolo e il viaggio oltreoceano per raggiungere le terre promesse della Nova Scotia inseguendo un sogno intravisto dalla rocca del castello di Edimburgo. E poi la storia del formarsi del Canada: la conquista di nuova terra, l'edilizia, la ferrovia, le occupazioni pioniere. Su tutto la magia evocativa e creativa della scrittura di Alice Munro, che raccoglie, amalgama, reinventa, e ancora una volta conquista.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vista da Castle Rock 2016-09-06 15:27:27 annamariabalzano43
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    06 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’autobiografia idonea ad una raccolta di racconti

Scrivere un’autobiografia che non trascuri lo studio di un albero genealogico è un’operazione che richiede una ricerca accurata di dati, informazioni, eventi che risalgono indietro nel tempo: è scrivere una “storia” nel senso più rigidamente etimologico del termine.
È ciò che fa Alice Munro in “La vista da Castle Rock”, almeno per quel che riguarda la prima parte del libro. La Munro, infatti, ripercorre la vita dei suoi avi, partendo dal XVII secolo, epoca in cui essi abbandonarono la Scozia. Dei membri della famiglia sui quali si sofferma, la scrittrice offre un ritratto realistico e convincente grazie alla sua abilità di fondere immaginazione e dati storicamente accertati. È proprio con questo studio attento dei suoi antenati che la Munro indaga sulla ragione del suo essere: il suo è un consapevole tentativo di approfondire la conoscenza di sé. E d’altra parte è proprio questo lo scopo principale di una autobiografia.
Dunque se nella prima parte di “La vista da Castle Rock”ci troviamo di fronte a una raccolta di racconti che compongono in definitiva un racconto unico, non molto diversa è l’impostazione della seconda parte, più vicina a noi nel tempo, in cui la scrittrice descrive episodi della sua vita, dall’infanzia a oggi. D’altra parte la forma autobiografica è l’ideale per narrare una serie di vicende con un protagonista e tanti personaggi collaterali. Ogni episodio potrebbe essere estrapolato dal contesto e costituire un corpo a sé, secondo lo schema delle “tales in the tale”.
Con “La vista da Castle Rock” la Munro approfondisce il rapporto con il mondo che la circonda, indaga sulle relazioni che la legano a parenti e ad amici, rievoca sentimenti e esperienze che segnarono la sua adolescenza, assumendo toni talvolta appassionati. Il legame con i genitori, con il padre, sempre pronto a cambiare lavoro, secondo le esigenze e le crisi economiche del ’29 e degli anni quaranta, con la madre, ammalatasi ancora giovane del morbo di Parkinson, con la nonna e la prozia, molto presenti nella sua vita, è raccontato talvolta con nostalgia e rimpianto, talvolta con una nota critica che rivela insofferenza. Non mancano descrizioni di luoghi che palesano un istintivo amore per la natura, come frequenti sono le visite a siti cimiteriali, quasi per una malcelata esigenza di acquisire una certa familiarità con il mistero che avvolge ciò che ci attende dopo la morte. Un libro interessante per chi ama le biografie e non teme i lenti ritmi narrativi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vista da Castle Rock 2007-11-22 15:03:23 Eloisa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Eloisa Opinione inserita da Eloisa    22 Novembre, 2007
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non la migliore Alice Munro

Attendevo con ansia questa nuova raccolta di racconti di Alice Munro, che ha spesso scritto libri che mi hanno entusiasmato. Ho sempre trovato i suoi racconti di ottimo livello per la capacità di ricreare un'intera vita in poche pagine. Questa volta però l'autrice ha dato uno stampo autobiografico ai racconti, ed il risultato mi ha deluso, manca la sopracitata capacità di colpire il lettore in poche pagine. Rispetto ai suoi precedenti libri si tratta di una delusione. Per chi invece non ha mai letto niente della Munro, anche questa opera potrebbe andare bene.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri