Narrativa straniera Racconti Non sono venuto a far discorsi
 

Non sono venuto a far discorsi Non sono venuto a far discorsi

Non sono venuto a far discorsi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Non tutti sanno che Gabriel García Márquez è sempre stato allergico ai discorsi pubblici, tanto da affermare in una conferenza del 1972 che ci sono: “due cose che mi ero ripromesso di non fare mai: ricevere un premio e tenere un discorso”. Dieci anni dopo vincerà il Premio Nobel e durante le cerimonie all’Accademia di Stoccolma terrà due memorabili discorsi intitolati La solitudine dell’America latina e Brindisi per la poesia. Se il primo è un atto d’amore e di speranza verso la sua terra, ferita dalla storia ma sempre a testa alta, il secondo è un elogio alla magia della poesia “energia segreta della vita quotidiana che cuoce i ceci in cucina, diffonde l’amore e trasforma le immagini in specchi”. Due interventi che ben sintetizzano i temi e lo stile dei discorsi, delle dissertazioni e delle conferenze contenute in questo libro, che includono tutto quello che Márquez ha scritto per una lettura pubblica, a partire dal 1944 fino al 2007. Ventidue testi inediti che coprono i temi centrali della letteratura di García Márquez ma aiutano anche a comprendere più profondamente la sua vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Non sono venuto a far discorsi 2017-04-02 21:10:28 Belmi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    02 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un artigiano della cultura

“Non sono venuto a far discorsi” è una raccolta di scritti selezionati dall’autore stesso, che raccontano la vita di un uomo, un grande uomo. Si parte dal lontano 1944 fino al 2007.

“Ci sono due cose che mi ero ripromesso di non fare mai: ricevere un premio e tenere un discorso”.

Un Marquez personale, sincero e ironico, che nella sua avversione ai discorsi e ai premi ci racconta la sua vera natura.

Sono molti i temi toccati dall’autore, da quanto nel lontano 1944 fece, a diciassette anni, il suo primo discorso. Si parla di cultura, di politica, di amore per un paese che l’ha accolto e un altro che l’ha generato, di amicizia e di temi di attualità.

Una serie di discordi che ripercorrono una vita e ne affrontano le varie tappe salienti come il discorso tenuto in Svezia per il ritiro del Nobel e quello dedicato ai giornalisti. Marquez ci racconta le sue verità, i suoi aneddoti e come è nata la sua passione per la scrittura. Tra le altre cose anche uno spaccato del suo quotidiano e la sua fortuna con il libro “Cent’anni di solitudine”.

Potrei continuare ancora, ma quello che voglio far capire è che questo è un libro che va letto, non solo per gli amanti dell’autore, che così avranno la possibilità di conoscere un Marquez più intimo, ma anche per gli altri, perché davanti si troveranno gli scritti di un uomo che non ha avuto paura di dire la sua verità, anche se poteva essere una verità scomoda.

Un Marquez brillante, che con il passare degli anni (e quindi dei discorsi) cambia e si evolve. L’ho trovato sincero, ironico, serio nei momenti giusti e diretto quando c’era bisogno di una scossa. Vi lascio con qualche estratto:

“E questo mi consente di dirvi una cosa che posso sapere solo adesso, dopo aver pubblicato cinque libri: il mestiere dello scrittore è forse l’unico che diventa più difficile quanto più lo si pratica. La facilità con cui mi sedetti una sera a scrivere quel racconto non può essere paragonata alla fatica che mi costa adesso riempire una pagina”.

“In realtà, l’utilizzo professionale ed etico del registratore è ancora da inventare. Qualcuno dovrebbe insegnare ai giornalisti che non è un sostituto della memoria, ma un’evoluzione dell’umile blocco per gli appunti che ha prestato così buon servizio alle origini del mestiere. Il registratore sente ma non ascolta, registra ma non pensa, è fedele ma non ha cuore, e alla fine dei conti la sua versione letterale non sarà altrettanto affidabile di quella di chi fa attenzione alle parole vive dell’interlocutore, le valuta con la sua intelligenza e le giudica con la sua morale”.

Buona lettura!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri