Dettagli Recensione

 
La metamorfosi
 
La metamorfosi 2013-06-27 18:10:16 enricocaramuscio
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    27 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amaro surrealismo

Visionari, tristi, pungenti, onirici, malinconici, i racconti di Kafka pubblicati in questa raccolta si differenziano per la varietà delle storie e dei protagonisti ma sono tutti accomunati da un profondo senso di amaro surrealismo e ruotano intorno ad un concetto comune: l’infelice situazione dell’uomo sulla terra e l’ineluttabilità del suo destino. Tra tutti spicca nettamente “La metamorfosi”, il vero capolavoro del libro, nel quale è racchiuso tutto il pensiero di Kafka sulla vita umana. Il commesso viaggiatore Gregor Samsa si impegna con grande fervore nel suo lavoro per garantire un buon tenore di vita alla sua famiglia, di cui è ovviamente il beniamino. Ma quando una mattina si sveglia trasformato in un grosso e rivoltante scarafaggio l’affetto e la riconoscenza nei suoi confronti cessano di colpo, crudelmente soppiantate dal ribrezzo e dalla paura che suscita nei suoi cari. Per lui comincia una vita di isolamento e di desolazione, in cui nessuno mostra compassione per la sua attuale situazione. Impietosa metafora della condizione umana, La metamorfosi è dotata di una fortissima carica empatica che permette al lettore di immedesimarsi nel povero Gregor, e offre continui spunti di riflessione su temi quali la diversità, la solitudine, l’abbandono. Insieme ad essa troviamo altri tre racconti lunghi, tutti degni di nota e meritevoli di essere letti. Ne “Il verdetto” un uomo che da ormai troppo tempo inganna incresciosamente un suo carissimo amico viene smascherato dal proprio padre: l’occasione è il pretesto per quest’ultimo per gridare al figlio la rabbia e la delusione per il suo comportamento ambizioso ed egoista degli ultimi anni e per lanciare contro di lui una dolorosa sentenza. Ne “Il fuochista” il giovane emigrante Karl aiuta il fuochista della sua nave a chiedere davanti al capitano giustizia per le angherie subite dal suo aguzzino, il capo macchine Schubal. La situazione sembra favorevole, ma il fuochista si lascia prendere troppo la mano, si esalta, si confonde, fino a capovolgerla a suo sfavore. In “La colonia penale” un esploratore viene invitato ad assistere ad un’esecuzione capitale tramite un meccanismo a dir poco sadico e truculento, col fine di giudicare il livello di civiltà e di giustizia di questo sistema. L’ufficiale addetto all’amministrazione di tale procedimento e grande sostenitore del violento dispositivo cerca invano di portarlo dalla sua parte, ma davanti alla fermezza del suo giudice non può che ammettere la sconfitta ed eseguire con la sua tanto amata macchina un’ultima condanna a morte. Il libro comprende poi tre raccolte di racconti brevi. La migliore è senza dubbio “Un medico condotto”, in cui spiccano in particolare tre novelle: “Un medico condotto”, una storia allucinata che dimostra come spesso chi sacrifica se stesso ed i suoi affetti per occuparsi degli altri riceva in cambio solo derisione e indifferenza; “Davanti alla legge”, una triste metafora dell’impossibilità per l’uomo di raggiungere le mete che persegue; “Sciacalli e arabi”, in cui si percepisce tutta l’assurdità e l’insensatezza delle rivalità e degli odi che troppo spesso ci dividono. Della raccolta dal titolo “Un digiunatore” si distingue soprattutto il racconto omonimo, storia di un singolare artista che dimostra come a volte il fanatismo (nell’arte, ma anche in qualsiasi altro campo) possa portare alla distruzione. Meno bella invece “Contemplazione” che, vuoi per l’estrema brevità dei suoi scritti, vuoi per la loro indecifrabile cripticità, non riesce ad essere coinvolgente né interessante. Poco da segnalare anche nella parte riguardante i racconti pubblicati singolarmente in riviste, dove si distingue soltanto “Il cavaliere col secchio”, in cui egoismo e avarizia fanno da protagonisti. Certamente consigliata per lo stile impeccabile, accompagnato da minuziose descrizioni e da atmosfere trasognate, e per l’importanza dei temi esaminati, quest’opera va però affrontata con la consapevolezza che non si tratta di una lettura agevole e leggera, ma molto impegnativa e ricca di sfumature, particolari e significati nascosti non sempre facilissimi da cogliere e che per questo richiedono grande concentrazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
P.S. La mia recensione non riguarda il libro della Newton Compton relativo alla scheda ma quello della collana Universale Economica Feltrinelli dal titolo "La metamorfosi e tutti i racconti pubblicati in vita"
bel commento esaustivo ed illuminante sui racconti di Kafka che personalmente non ho mai letto....
Ho letto solo La metamorfosi ed Il processo
Bravissimo Enrico...quante riflessioni si potrebbero fare . E' un libro che propone tematiche sempre attuali, e ancor più sentite, se pensiamo che al giorno d'oggi c'è la possibilità anche di scegliere...ed eliminare a priori "lo scarafaggio"...il diverso che risulta troppo scomodo...
Prima o poi lo leggerò!
Pia
@Silvia: grazie, solitamente non amo le raccolte di racconti brevi ma ho fatto un'eccezione per un'autore come Kafka e non me ne sono pentito...anche se di alcuni racconti, soprattutto quelli molto molto brevi, non sono riuscito a cogliere il senso...
@Pia: grazie, hai ragione, autori come Kafka riescono sempre a scatenare una miriade di riflessioni...come la tua, molto arguta e profonda, sull'eliminazione a priori di ciò che non ci va a genio...
Complimenti per la recensione, esauriente e ben scritta.
Ottima analisi ben sviluppata Enrico..dopo Il processo...(che non ho capito un'acca) -.-' forse potrei leggere questo :)
La forza di Kafka sta anche nel comico-grottesco delle sue opere. Quando ha letto in pubblico "La Metamorfosi" i suoi amici ridevano!
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
28 Giugno, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Interessantissima recensione. Ho letto Kafka troppi anni fa e ormai me lo sono scordato. Dovrei rileggerlo.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri