Dettagli Recensione

 
L'albergo stregato
 
L'albergo stregato 2019-08-07 10:17:57 Cathy
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    07 Agosto, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mistero veneziano

A Londra, nel 1860, Lord Montbarry abbandona improvvisamente la sua promessa sposa, la dolce, mite, ingenua Agnes Lockwood, e sposa la contessa Narona, donna affascinante, ma dall’ambiguo passato. L’unione non è ben vista dalla famiglia Montbarry e gli sposi lasciano presto l’Inghilterra per trasferirsi a Venezia, in un antico palazzo nobiliare. Con loro ci sono soltanto l’ambiguo fratello della contessa, dedito al gioco d’azzardo e agli esperimenti alchemici, la domestica della signora e un corriere. Di lì a poco nel decadente palazzo veneziano iniziano a verificarsi strani eventi che, tra sparizioni ed esplosioni improvvise, culminano con la morte di Lord Montbarry.
Qualche tempo dopo, il palazzo dei Montbarry viene venduto e trasformato in un lussuoso albergo, il Palace Hotel. Proprio qui si ritrova a soggiornare la giovane Agnes durante un viaggio di piacere in Europa con la famiglia del defunto Lord, ma quando l’albergo diventa scenario di inquietanti fenomeni e apparizioni misteriose, la vacanza dei Montbarry si trasforma in un incubo.
Pubblicato a puntate su «Belgravia Magazine» nel 1878 e poi in volume nell’anno successivo, "L’albergo stregato" è opera di uno degli scrittori inglesi più noti e di successo, Wilkie Collins, ammirato da Dickens e considerato il fondatore del giallo moderno. È un romanzo breve, rapido, incalzante, che si tuffa dritto nel mistero senza esitazioni, tralasciando descrizioni, indagini psicologiche o riflessioni approfondite. Tutto ciò che conta è la nuda e cruda successione degli eventi che delineano un enigma avvincente, ma dagli sviluppi e dall’esito piuttosto prevedibile. Già solo leggendo il retro di copertina è possibile fare previsioni, anche se si spera fino all’ultimo in una svolta sorprendente che purtroppo non arriva mai.
L’armonia della narrazione, inoltre, risente dell’utilizzo di espedienti un po’ rozzi e palesemente finalizzati ad ottenere un certo effetto o a far convergere più personaggi in un unico luogo: di conseguenza, spesso si ha la sensazione che se l’autore si fosse fermato a riflettere un po’ più a lungo avrebbe potuto trovare una soluzione migliore. Lo stile è rapido ed essenziale, senza neanche una riga superflua, e consente una lettura estremamente scorrevole, ma non brilla e non ha nulla di particolare che resti impresso nella mente del lettore.
Il punto di forza del romanzo sta forse nella decadente e suggestiva ambientazione veneziana che avvolge il Palace Hotel, sede di un mistero che purtroppo ha poco di misterioso nei suoi sviluppi principali, facilmente intuibili fin dai primi capitoli. Un’ombra di incertezza avvolge soltanto i dettagli dello svolgimento dei fatti, più difficili da indovinare. Nel complesso "L’albergo stregato" è una lettura scorrevole e abbastanza piacevole, adatta per rilassarsi in spiaggia o accompagnare un romanzo più impegnativo, ma non c’è nulla che possa spingere a raccomandarla davvero, poiché anche tra le opere di puro e semplice intrattenimento c’è di meglio. Senza dubbio non può essere stato questo romanzo a determinare la fama di Wilkie Collins. Le ragioni del suo successo vanno cercate altrove.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi cerca una lettura molto leggera a base di horror e di mistero, ma senza grandi aspettative.
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao, ho trovato, a dispetto del pollice verso che ti hanno inflitto, la tua recensione utile e interessante. Condivido ciò che dici nello stato del tuo profilo circa questa funzione , la trovo davvero antipatica. A me è capitato purtroppo di sbagliare cliccando da tablet e di chieder subito scusa, mortificata per l'accaduto, nel sito non c'à la possibilità di eliminare questo errore quando capita. Ad ogni modo non avertene a male, la comunità di lettori qui è seria e interessata ai contributi di tutti gli utenti senza alcuna distinzione se non quella delle preferenze personali in fatto di letture. Al limite ci si astiene dal voto o dalla lettura della recensione se il libro non è di nostro interesse.
In risposta ad un precedente commento
Cathy
13 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao e grazie mille per aver scritto questo commento ^^. Lì per lì ci sono rimasta male, ma non per il giudizio in sé. Se la persona avesse lasciato un commento per farmi capire cosa a suo dire non va bene nella recensione sarebbe stato diverso. Tengo molto a scrivere buone recensioni e apprezzo moltissimo quando qualcuno mi lascia un feedback di qualunque tipo, positivo o negativo, perché voglio migliorare. E poi aprire un battito su un libro è la cosa più interessante che si possa fare su un sito del genere. Quello che mi dispiace è che lasciare il pollice rosso così e via è solo un gesto di disprezzo nei confronti del mio commento e non lo trovo giusto, dato che è argomentato e non mi sembra che sia scritto malissimo.
Naturalmente c'è sempre la possibilità che sia stato uno sbaglio, certo. Comunque non è la fine del mondo, succede. Grazie ancora, sono contenta che la recensione ti piaccia ^^.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
13 Agosto, 2019
Ultimo aggiornamento:
13 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi unisco a quanto dice Laura, non so dirti del libro perché non l'ho letto, ma la recensione è scritta e argomentata bene. Molti quando trovano una recensione fatta male, semplicemente non segnano né positivo né negativo, altri sono più severi. In questo caso mi sembra del tutto ingiustificato, continua così!
In risposta ad un precedente commento
Cathy
14 Agosto, 2019
Ultimo aggiornamento:
14 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao e grazie per i complimenti! Io di solito lascio solo "pollici verdi", a volte trovo una recensione che secondo me poteva essere scritta meglio, però mi rendo conto che un commento è un fatto personale, alla fine ognuno è libero di scrivere quello che desidera... Non è una gara.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri