Dettagli Recensione

 
Il cappotto
 
Il cappotto 2015-08-01 16:17:00 sonia fascendini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    01 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rivoglio solo il mio cappotto

Come si può prendere una storia semplice, fatti di tutti i giorni, e farne un grande esempio di letteratura. Gogol ci descrive con precisione, senza fronzoli questo ometto che nessuno vede. Del resto Akakjj non si preoccupa di quello che lo circonda. Fa qualche debole tentativo di allontanare i colleghi che lo beffano, ma sen e cura poco così come non si cura di ciò che succede in strada, di quello che gli cade addosso dall'alto.
Il suo unico piacere è fare il suo lavoro di trascrizione di testi. Lo fa anche nel tempo libero, solo per avere il piacere di scrivere parole importanti.
Un guizzo nella sua vita arriva quando suo malgrado si decide ad acquistare un cappotto nuovo: i sei mesi che precedono questo evento sono da un lato esaltanti e dall'altro un inasprimento della sua vita di stenti. Si decide a saltare i pasti, a camminare con leggerezza pur di non consumare troppo le suole delle scarpe, si toglie la biancheria in casa per non sdrucirla. Ma tutto questo è ripagato dalla gioia dell'attesa. Si addormenta felice, sul lavoro si lascia andare persino a qualche errore, cosa mai successa, perchè distratto dalle fantasticherie del suo prossimo soprabito.
Il giorno tanto atteso arriva, la gioia e l'orgoglio sono inenarrabili, ma come spesso succede durano poco.
Il povero impiegato, o qualche entità ultraterrena per lui, avrà comunque occasione di trovare il modo per avere giustizia la prima volta nela sua vita. Così come riuscirà suo malgrado ad essere notato, temuto e forse rispettato.
Mi è piaciuto molto lo stile in cui è scritto questo libro. Forse anche per merito della traduzione, questo volume di metà 1800 e per di più russo si legge con facilità. Pochi dialoghi, molta attenzione alla descrizione sia fisca che intellettuale del protagonista, ma in modo semplice, immediato che spinge a continuare la lettura.
Fa un pò tristezza immaginare che già nel momento in cui scriveva questo libro Gogol iniziava a dare i primi segni di quelle crisi di nervi, poi trasformatesi in manie religiose e di autopurificazione che lo hanno afflitto con sempre maggiore intensità. Forse è vero che la genialitò va sempre un pò a braccetto con la follia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Dove i pensieri non fanno rumore
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il Monaco di Mokha
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri