Narrativa italiana Romanzi storici Danubio rosso. L'albe dei barbari
 

Danubio rosso. L'albe dei barbari Danubio rosso. L'albe dei barbari

Danubio rosso. L'albe dei barbari

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Anno 376 d.C. Costretti ad abbandonare le proprie case e ridotti alla fame, i Goti ora premono sui confini dell'Impero Romano. Vogliono passare il Danubio, chiedono terre da coltivare. La decisione spetta a Valente, tormentato imperatore d'Oriente, vecchio e malato: accogliere le loro richieste oppure affrontare il nemico? Per le trattative l'imperatore invia al confine il suo più fidato consigliere, ponendolo sotto la scorta di Batraz, magister della sua guardia personale. A fronteggiare Fritigerno, il temuto capotribù dei Goti, si trovano così due barbari romanizzati. Tra presagi nefasti e scontri sanguinari, fra tradimenti meschini ed eroismi disperati, corpi e anime convergono ineluttabilmente verso lo scontro conclusivo: Adrianopoli, "il giorno del sangue" che segna il tramonto dell'impero.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.7
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
2.3  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Danubio rosso. L'albe dei barbari 2013-05-11 19:05:20 Gabriele
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Gabriele    11 Mag, 2013

Vale la pena leggerlo

Non sono assolutamente un abituale lettore e non sono un esperto di storia. Ho preso il libro perchè mi interessava leggere qualcosa relativo ai Rapporti tra Roma (la mia città), e quella zona dell'europa a ridosso del Danubio dalla quale oggi in era moderna provengono numerosi immigrati. Ho trovato la scrittura molto comprensibile e scorrevole, forse risulta irritante qualche ripetizione di troppo sulle descrizioni meticolose e dettagliate di alcune azioni dei protagonisti, ma tutto sommato ho apprezzato l'essenza del romanzo, quella di trascinare il lettore attraverso l'immagine e l'immaginazione rendendo visibili colori profumi e luoghi, come fosse un film. Ne ho approfittato per trarre anche delle nozioni di tipo storico avendo appurato leggendo l'introduzione e i ringraziamenti che si tratta di una storia basata su fatti veri e in luoghi più o meno esistenti. Il costo contenuto di 10 euro si presta all'acquisto e credo che tutto sommato ne valga la pena.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Danubio rosso. L'albe dei barbari 2012-10-15 11:31:26 Gaia valeria
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Gaia valeria Opinione inserita da Gaia valeria    15 Ottobre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Danubio rosso?

Ho comprato questo libro scritto da Alessandro Defilippi per l'argomento. Racconta infatti la battaglia di Adrianopoli e la sconfitta dei romani ad opera dei Goti. I fatti storici narrati sono aderenti alla realtà così come ci è stata tramandata da diverse fonti, ma non posso nascondere una certa (molta ) delusione. Il protagonista principale è Batraz, un guerriero sarmata a capo della guardia personale di Valente, che, ad un certo punto viene distaccato dai sui impegni di palazzo insieme ai suoi uomini, per fronteggiare l'invasione gotica.
Il fatto è che si viaggia all'interno della mente di Batraz piuttosto che nelle trame e nei meandri della storia e soprattutto degli uomini che l'hanno vissuta e , soprattutto fatta. C'è una continua alternanza tra il tempo presente e il passato remoto che alla lunga stanza. Così come il riportare per ogni capitolo data, luogo, ecc, un po' come se fosse un romanzo poliziesco.
Alla fine il problema dei goti e del danno che arrecarono all'impero nel IV sec e da cui poi quest'ultimo non si rialzò più, sembra passare in secondo piano rispetto alle visioni di Batraz, sembra anzi un pretesto per parlarne. §Il probelma dell'integrazione fra popoli, così attuale, si riduce a qualche passaggio, e non ne viene sfruttata tutta la potenzialità.
Niente a che vedere con "Le mura di Adrianopoli" di Guido Cervo, dove i fatti storici si intrecciano ad eventi e personaggi di fantasia in modo quasi naturale, come se tutto ciò che viene narrato fosse effettivamente accaduto. Inoltre qui sì che il tema dello scontro e dell'integrazione si rivela a pieno, spingendo i lettori a riflettere su temi presenti, che affondano le loro radici nel passato e dal modo in cui sono stati più o meno risolti, tutti possiamo imparare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Danubio rosso. L'albe dei barbari 2011-01-28 17:56:58 barch76
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
barch76 Opinione inserita da barch76    28 Gennaio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il nulla rosso

Io Amo la storia,ogni libro che leggo deve arricchirmi con date, avvenimenti, luoghi, personaggi, aneddoti,e se magari riesce anche ad emozionarmi,tanto meglio,le mie letture devono avere la capacità di trasferirmi nell’epoca narrata. Bene ,questo romanzo ruota intorno ad una battaglia,quella di Adrianopoli ,basta, qui si ferma la storia,il resto è una trama confusa,la solita descrizione degli scontri,una piatta vicenda d’amore,il tribuno,l’Imperatore decrepito e depresso,il re Barbaro,Il pretoriano sarmata con la crisi esistenziale,senza colpi di scena,emozioni,pathos. Unica nota positiva,lo stile,la capacità narrativa dell’autore è straordinaria,ma è come ascoltare una canzone con una splendida melodia,ma con un testo idiota. Per me soldi sprecati,non solo per chi ama i romanzi storici,ma anche per chi ama la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Harmony............
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Lepanto nel cuore
La malalegna
Come vento cucito alla terra
La fortuna
La scelta
La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Trema la notte
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
Di luce propria
La banda degli uomini