La ribelle La ribelle

La ribelle

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Anno 1254. Caterina da Colleaperto, una giovane donna che ha dedicato tutta se stessa allo studio dell’arte medica, esercita nel più importante ospedale di Parigi. Decisa a ribellarsi ai ricatti di una corporazione appannaggio di soli uomini, viene introdotta a corte da Rolando Lanfranchi, illustre maestro in medicina di cui è innamorata, e riesce a conquistare la fiducia di alcuni esponenti dell’alta aristocrazia. Caterina è una donna libera, forte, capace, e per questo pericolosa. Così, quando si viene a sapere di un reato che rischia di macchiare il buon nome dell’ospedale, tutte le accuse vengono fatte ricadere su di lei.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La ribelle 2011-11-30 22:03:04 Gondes
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    01 Dicembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA RIBELLE

Non si scopre certo adesso la bravura di questa scrittrice, maestra nel far catapultare il lettore, solo dopo pochissime pagine, nel 1200. La passione e la competenza di Valeria Montaldi sono ben distinguibili anche in questo titolo. L’attenzione è rivolta principalmente alla condizione della donna, ma anche a due importanti professioni come quella medica e quella sartoriale. La storia si sviluppa principalmente fra Parigi e Milano, tanto che le due città vengono messe a confronto durante lo svolgimento della storia. Possiamo assiste così ad una splendida ricostruzione storica di questi due mestieri che al tempo erano agli albori. Accompagneremo, la protagonista principale, Caterina alle prime operazioni chirurgiche, ma assisteremo anche alla nascita dei primi show-room e laboratori di moda a fianco di sarti Parigini e Milanesi.
La storia scorre piacevolmente, anche grazie all’aiuto di brevi capitoli che aiutano la lettura. Quello che forse manca è la spietatezza di certi personaggi, come eravamo abituati leggendo per esempio “Mondo senza fine” o “I bastioni del coraggio”, che tengono in apprensione e danno un ritmo diverso alla storia. In pratica un pò più di cattiveria avrebbe, secondo il mio parere, dato un qualcosa in più al libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

La ribelle 2011-09-19 20:04:44 patty81
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
patty81 Opinione inserita da patty81    19 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Medical fiction ambientata nel 1200

Caterina da Colleaperto è una giovane donna medico che si è appena tresferita a Parigi per esercitare la professione...Li si innamora del suo mentore Rolando, un uomo che ben presto si rrivelerà bugiardo, sfruttatore e maschilista oltre che già sposato...tradita umanamente e professionalmente dall'amato, e incinta, Caterina fugge a Milano per scampare alle calunnie atte a screditare la sua arte medica...si, sembra la trama di Grey's anatomy o robe simili, ma lla vicenda si svolge nel tredicesimo secolo, e quindi la trama secondo me proprio non regge, vista la misoginia che regnava all'epoca...e trovo piuttosto improbabile che una donna orfana come Caterina possa vivere e studiare tranquilla in una città straniera senza la minima protezione di un uomo.
Per quanto riguarda lo stile, l'ho trovato un po' sciatto e i personaggi sono veramente troppo stereotipati, senza un effettivo approfondimento psicologico...Anche Caterina risulta troppo pedante, saccente, avolte noiosa.
Infine la trama:non sono riuscita a capire quale fosse la Domanda Drammaturgica Principale,ovvero il motore di tutta la storia, quella scintilla che fa intrecciare le vicende e le persone. Sembra che l'autrice abbia voluto lasciare il finale aperto per u possibile seguito, ma così ha affrettato una conclusione che invece non conclude nulla e indispettisce addirittura il lettore.
Letto bene la prima metà,molto meno la seconda, ho voluto comunque finirlo perchè, nonostante le critiche, scrivere un libro non è cosa da tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
romanzi storici.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La ribelle 2011-08-07 13:58:58 Lanzoni
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lanzoni Opinione inserita da Lanzoni    07 Agosto, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

I numerosi anacronismi non rovinano un intreccio d

La storia non potrebbe essere più appassionante: Caterina da Colleaperto è uno dei rarissimi medico donna della metà del Duecento, un "cervello in fuga" ante-litteram, costretta a studiare a Montpellier e poi esercitare a Parigi per la resistenza delle corporazioni mediche italiane ad accettare membri femminili nella propria professione. Le difficoltà però non si fanno attendere neanche oltr'alpe, e così Caterina affronta un lungo e difficile percorso che la porta a crescere come medico e come donna. La trama sarebbe ottima se il coinvolgimento del lettore non fosse minato da numerosi anacronismi. Non possono infatti essere lette che come forzature numerosi pensieri e parole che l'autrice attribuisce a personaggi che mai avrebbero potuto generarli nel XIII secolo. La nota sulla storicità della vicenda che l'autrice pone al termine del libro attenua soltanto i dubbi che un lettore colto matura durante la lettura di un libro che rimane, comunque, un esperimento nuovo e degno di attenzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri