Narrativa straniera Classici Guanciale d'erba
 

Guanciale d'erba Guanciale d'erba

Guanciale d'erba

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Guanciale d'erba narra di un giovane artista, pittore e poeta, che si avventura per un ameno sentiero di montagna di un piccolo villaggio giapponese. Lungo il cammino, in un'atmosfera incantata, incontra viandanti solitari, contadini, paesani, nobili a cavallo e ogni specie d'umanità, finché, sorpreso dalla pioggia, si rifugia in una piccola casa da tè tra i monti. Qui, dalla dolce voce della vecchia tenutaria, apprende la storia della fanciulla di Nakoi, che ebbe la sfortuna di essere desiderata da due uomini e andare in sposa a quello che lei non amava.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.3  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Guanciale d'erba 2021-11-18 13:48:59 Molly Bloom
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Molly Bloom Opinione inserita da Molly Bloom    18 Novembre, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non mi è piaciuto

Per completare una sfida di lettura a tema proposta dalla mia biblioteca comunale, per la voce "libro su un viaggio" ho scelto di leggere "Guanciale d'erba". Non amo le sfide letterarie ma ho ceduto per variare un po' i generi che leggo e uscire dai miei ormai ben piantati binari. E ho fatto male. Devo smetterla di fare questi esperimenti e seguire sempre i miei gusti letterari senza sforzarmi di uscire dalla confort zone, in fin dei conti non c'è nulla di male nel non riuscire ad essere dei lettori poliedrici. Sapevo già di non riuscire ad apprezzare la letteratura giapponese, ho fatto dei tentativi in passato e trovavo frustrante il non riuscire a comprendere ciò che altri lettori riuscivano con gran piacere.

Il libro parte in picchiata, le prime dieci pagine sono state quasi folgoranti. Questo artista che intraprende un viaggio nella natura incontaminata cercando di tenersi lontano dagli uomini e dai sentimenti umani e di elevarsi al di sopra di essi e cercare le bellezza mi ha subito affascinata! Mi sembrava una sorta di "Chiamatemi Ismale..." e il bellissimo capitolo primo di "Moby Dick". Una prosa soave, poetica ma anche profonda con molte riflessioni. Avevo già d'avanti a me l'aspettativa: una sorta di diario di viaggio in cui le meraviglie della natura giapponese si unirà alla meditazione e al pensiero. Poi qualcosa ha iniziato a scricchiolare. Dopo la sua prima sosta alla casa del tè viene a sapere da una gentile anziana della storia di una ragazza bellissima ma pazza ed ecco che il nostro artista ne rimane incuriosito (alla faccia degli propositi). Poi ci saranno una serie di incontri con altre persone nei giorni a seguire e conoscerà anche la bellissima donna, Nami. Cercherà sempre di dipingere un quadro ma non riuscirà mai, se non nel finale quando scorgerà finalmente sul viso della bella Nami un sentimento di compassione, che la renderà umana e allora, ha finalmente davanti agli occhi il quadro. In una interpretazione di "Gita al faro" di Virginia Woolf, tutti i personaggi vengono ammagliati dalla signora Ramsay, e quando lei è presente tutto si blocca e l'arte non si compie, ciò che blocca è la sua bellezza perfetta della quale tutti sono innamorati, quasi demoniaca, persino la pittrice Lilly non riesce mai a finire il quadro se non quando la signora Ramsay non ci sarà più, scena che chiude anche il libro. Stessa cosa anche per il nostro pittore, avrà subito davanti agli occhi il quadro quando la bellezza perfetta, quasi disumana della donna diventa umana e l'arte potrà superarla, allora finalmente essa si compie.

Mi è piaciuto dunque l'inizio e la fine in questo libro mentre tutto quello che succede nel mezzo mi ha terribilmente annoiata e ho trovato il contenuto disarmonico che passa da argomenti pesanti a futili dialoghi e sterili descrizioni poetiche della natura che, quando non sono collegate ad una emozione oppure ad un tratto umano, a me non dicono nulla ma le trovo patetiche come un "cane che abbaia alla luna". Inoltre ho avvertito anche una pesante presunzione dell'autore che afferma che determinati uomini vengono sulla terra senza alcuna missione come se fossero dei parassiti (non sue testuali parole ma l'idea è quella), a me ha dato fastidio perché credo che si debba avere rispetto per la vita, soprattutto da parte di un artista. Altra cosa che mi sento di affermare è che trovo sia un libro che è invecchiato male, il discorso finale sui treni che trasforma le persone in merci non sì può sentire tanto è obsoleto. In una parola: per me, bocciato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Guanciale d'erba 2015-06-29 12:38:19 C.U.B.
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    29 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se rinasco: pianta

Cammina per un sentiero di montagna, pensa che quando il mondo degli uomini stringe addosso, quando il substrato di malessere e' inalienabile, non resta  che cercare di migliorarlo.
Passeggia su un manto di foglie tra i profumi di bosco, c'e' un panorama di serenita' accessibile agli uomini : quello della natura, della bella solitudine, della poesia, del disegno.
Pittore e poeta di indole e di animo, una vocazione che non si misura nella qualita' delle opere ma nella purezza degli intenti. Assaporare la bellezza e lodarla e' il traguardo che porta lontano dal mondo dei calcoli, vivere e contemplare avvolti dal paesaggio, riscoprire la nostra natura arcaica e diventare foglia tra le piante, goccia tra i ruscelli.
" Mi piacerebbe trascorrere due settimane immobile come una pianta spuntata da sotto le stuoie", mossa dal vento, dalla notte di luna, dall'ombra delle fate, dalla rugiada del sole nascente.
Il giovane artista incontra storie e persone nel suo viaggio, mentre assorto in un'atmosfera magica si abbandona a fruscii di bambù e armonia dei sensi.
Collocazione paesaggistica incantevole, racchiude in ogni riga quel misto di fascino e mistero che benedice i  paesaggi nipponici tra legni, rocce e piccoli specchi d'acqua che la tradizione shintoista vuole popolati da divinita' della natura. 
Bella la scrittura in una narrativa che veleggia tra filosofico e onirico , contenuti e scenografia sono tipicamente giapponesi, anche nel ritmo di lettura piacevolmente ovatttato.
Per decidere se optare o no per questo lavoro di Soseki direi che si potrebbe azzardare una scelta sensoriale. Osservate la foto in copertina e valutatene gli effetti . Se svenevoli vi sentite assorbiti dal magico sussurrare dei rami dove l'eco e' attutito dallo sciabordio del lago, armatevi di null'altro che un guanciale d'erba e siate per qualche ora un poco piu' poeti, un poco piu' pittori. Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Guanciale d'erba 2014-04-15 06:40:13 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    15 Aprile, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Camminando col viandante

"Fortunato colui che può con ala
vigorosa slanciarsi verso campi
sereni e luminosi (...) ;
Colui che sulla vita
plana e, sicuro, intende la segreta
lingua dei fiori e delle cose mute " (C. Baudelaire)

Questi versi del grande poeta francese possono servirci per introdurre il discorso su "Guanciale d'erba" di N. Soseki.
La trama del romanzo non è di per sé rilevante: si tratta del percorso di un viandante, durante il quale incontra luoghi e persone, storie suggestive, ma soprattutto l'ambiente naturale nelle sue varie forme e meraviglie.
La voce narrante è quella di un artista, poeta e pittore, capace di posare lo sguardo sulla bellezza, che è ovunque.
Pensa sia "difficile vivere nel mondo degli uomini"; pertanto "si deve tendere di renderlo più accogliente, così da poterci abitare meglio, sia pure per il breve tempo concesso all'effimera vita umana" . Sì, perché nel libro si coglie innanzitutto la piena e serena accettazione della caducità delle cose e della vita stessa:
"Alla rugiada scesa
sui fiori di muscanthus
quando s'annuncia l'autunno
assomiglio ,
io che devo svanire" .

Sa che "in tutti i piaceri è insita la sofferenza, perché traggono la loro origine dall'attaccamento alle cose"; invece gli artisti "si nutrono di nebbia, bevono la rugiada (...). Il loro piacere non dipende dalla materia (...). Hanno spontaneamente abbandonato i limiti angusti e fangosi , nel loro copricapo penetra l'infinita azzurra tempesta".
Questo approccio 'innocente' alla natura può ricordare la poetica del Fanciullino di Pascoli, di cui Soseki era contemporaneo (il libro è del 1906) , anche se spazialmente e culturalmente c'è tutta la distanza che separava l'Italia dal Giappone ad inizio '900.
Anche nell'autore nipponico si rileva una grande fiducia nelle potenzialità del poeta: "Gli artisti sono preziosi, perché rasserenano questo mondo e arricchiscono il cuore degli uomini" ; "dove il volgo guarderebbe cieco, l'artista scopre innumerevoli gemme, infiniti tesori".
Ciò che pure colpisce, leggendo questo testo, è quanto I. Calvino, in "Lezioni americane", chiamava "leggerezza"; infatti vi è uno straordinario e bellissimo uso di immagini lievi, 'senza nulla che pesi o che posi', nella consapevolezza che, "se si tenta affannosamente di rendere la bellezza ancor più attraente, si ottiene al contrario il risultato di sminuirla. Come dice il proverbio: 'Completare è diminuire' ". C'è è, quindi, la scoperta della semplicità essenziale; la contemplazione della 'bellezza delle cose fragili', che quasi paiono esistere momentaneamente per destare il nostro stupore: "La luna proietta (...) l'ombra obliqua di due o tre rami. E' una chiara notte primaverile"; "...nell'aria un presagio di pioggia"; "La pioggia è tanto tenue che sembra aspergere segretamente la primavera di nascosto dagli occhi della notte"; dunque, "In quale luogo sostare?
Lontano nel paese delle candide nuvole".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri