Narrativa straniera Classici Il Conte di Montecristo
 

Il Conte di Montecristo Il Conte di Montecristo

Il Conte di Montecristo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Edmondo Dantès, marinaio, prigioniero, misteriosamente ricco, mette a soqquadro l'alta società parigina. Imprigionato a Marsiglia nel 1815, il giorno delle nozze, con la falsa accusa di bonapartismo, rimane rinchiuso per 14 anni nel castello di If, vittima della rivalità in amore di Fernando e in affari di Danglars, odiato anche dal magistrato Villefort. Questi i tre nemici su cui, dopo l'evasione, cadrà la terribile vendetta di Dantès.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 31

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.6  (31)
Contenuto 
 
4.8  (31)
Piacevolezza 
 
4.7  (31)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il Conte di Montecristo 2021-05-16 14:46:34 LuigiF
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiF Opinione inserita da LuigiF    16 Mag, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tanto mestiere, poca Arte

Una abusata critica che vuole il Manzoni pigro e scarsamente produttivito, enfatizza gli oltre venti anni occorsi per la stesura  dei Promessi Sposi proprio mentre, oltralpe, scrittori francesi sfornavano corposi romanzi a ritmi forsennati.
Ricordo che ai tempi del liceo, causa la forzata lettura scolastica che avrebbe reso indigesto lo stile Manzoniano anche al più ispirato tra gli studenti, mi compiacevo nel far mia quella critica tanto  sprezzante quanto ingiusta. Solo una rilettura in età adulta, mi consentì di apprezzare pienamente lo spessore e la raffinatezza di quello che resta un capolavoro imprescindibile della nostra letteratura.

Ho appena terminato, non senza fatica, "Il Conte di Montecristo"  e quel giovanile e superficiale giudizio mi è tornato alla mente e con esso la consapevolezza di quanto fosse davvero improprio anche solo accostare opere di qualità tanto differente.
Per dirla con Umberto Eco:” Il Conte di Montecristo è uno dei romanzi più mal scritti di tutti i tempi e di tutte le letterature”.
Come dargli torto? Personaggi enfatizzati, caricaturali, banali nella loro monolitica psicologia priva di sfaccettature. E poi ... una storia inverosimile, inconsistente, forzature continue, estenuante ricerca di stucchevoli effetti a sorpresa e colpi di teatro ...nessuna  pagina “alta”, nessuno stimolo alla riflessione ... puro e semplice intrattenimento.

Se il romanzo è passato alla storia entrando nel nostro immaginario collettivo,  lo si deve unicamente all’avvincente racconto della prigionia di Edmond Dantes nelle segrete del castello d'If, dell’incontro con l’abate Faria e della spettacolare  fuga. In quella narrazione, che occupa la parte iniziale del romanzo, ogni lettore del mondo si è potuto immedesimare nel recluso disperato avvertendo quasi fisicamente l’umidità e la tetraggine di quelle celle nonché  il sapore vertiginoso della libertà riconquistata.
Il romanzo sarebbe dovuto terminare qui.

Tutto il resto, ovvero le oltre ottocento pagine che raccontano l’inesorabile vendetta del conte, dai capitoli romani a quelli parigini, è davvero poca cosa, costruito com’è  in modo così improbabile e posticcio. Nulla più che un feuilleton insomma. Una telenovela ante litteram.
Di questa corposa parte salvo soltanto due cose. 
La prima è la descrizione della pubblica esecuzione di un condannato a morte per “mazzolamento”. La scena ambientata in Piazza del Popolo a Roma, si imprime nella memoria del lettore per vividezza e drammaticità. Una scena "pulp" che farebbe felice un fan di Tarantino.
La seconda è il veloce tratteggio di un personaggio del tutto secondario e marginale nell’imponente svolgersi della narrazione; tale mademoiselle Danglars i cui gusti omosessuali, per nulla celati,  sanno di modernità e trasgressione.
Un po’ poco per un romanzo di 1200 pagine belle fitte.

Teniamoci stretto il nostro Manzoni e, per una volta, accantoniamo l’esterofilia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2021-01-27 15:55:45 assuntabruno
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
assuntabruno Opinione inserita da assuntabruno    27 Gennaio, 2021
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attendere e sperare

“Sono colui che vi aveva condannato a morire di fame, e che pur tuttavia vi perdona, giacchè egli stesso abbisogna di essere perdonato: io sono Edmond Dantès”. Questa frase condensa la parabola discendente e poi ascendente del suo protagonista. Edmond Dantès: il marinaio, il forzato, il conte dalla ricchezza inesorabile, il vendicatore, la mano di Dio ed infine l’individuo in cui emerge, dopo tanto soffrire, l’anelito di pace ed il desiderio di essere amato.
Di questa opera tanto si è discettato, da essa sono stati tratti pieces teatrali, film e serie tv. Del protagonista stesso molto si è scritto, in particolare della contrapposizione tra il giovane ed entusiasta marinaio e l’ombroso ed erudito conte. Sarebbe presuntuoso credere di poter risolvere in poche battute un dibattito che per quasi due secoli i lumi letterati hanno portato avanti.
Quello che mi piacerebbe fare è solo fornire alcuni spunti di riflessione, personali ed opinabili, che solletichino chi leggerà questo mio contributo ad approcciarsi ad un’opera meravigliosa.
Ciò che mi ha colpito particolarmente è l’alone di mistero che non soltanto aleggia intorno alla figura di Dantès-Montecristo, ma che avvolge l’intera storia della “venuta al mondo” del romanzo. Scritto a puntate su riviste dell’epoca, una volta morto Dumas padre, il testo fu oggetto di rimaneggiamenti e cambiamenti che portarono a versioni differenti del manoscritto orginario, ormai irrimediabilmente trasformato e pubblicato in edizioni differenti l’una dall’altra, talvolta con capitoli diversi, con censure o estensioni della trama. Di conseguenza, motivazioni editoriali e motivazioni di traduzioni confuse e più o meno discostate dal significato originale hanno fatto sì che quello che oggi abbiamo tra le mani non sia sicuramente il prodotto puro ed integrale pensato e scritto da Dumas padre e dai suoi collaboratori.
L’iter travagliato di questa opera ha destato in me il forte interesse a saperne di più. Così mi sono imbattuta nell’ultima edizione, curata da Claude Schopp, il massimo esperto del conte di Montecristo, che non ha fatto altro che riunire tutti i carteggi e le edizioni di Dumas per tirar fuori una nuova edizione, la più vicina a quella partorita dall’autore.
Leggere un tomo di oltre mille pagine può sembrare un’impresa ardua, ma questo romanzo è veloce nella scrittura, accattivante nelle descrizioni, e colmo di quel pathos e della carica emotiva che tengono il lettore incollato alle pagine. Ogni personaggio è ben caratterizzato, ha una sua storia ed una propria evoluzione, ma soprattutto tutti, anche lo stesso Montecristo, non sono immuni dal peccato.
Il Montecristo- vendicatorein quanto incarcerato, umiliato e sbeffeggiato, è colui che pecca di yubris per aver creduto di essere la mano del Dio del vecchio Testamento, quasi come il Gabriel angelo della morte.
Dantès, dunque, pecca come coloro che gli hanno fatto del male ed è proprio attraverso il rancore, la vendetta e la trama sinistra così ben orchestrata che egli farà ritorno in quella cella che era stata la sua tomba per quasi vent’anni, ma con una consapevolezza nuova: il perdono.
Il perdono ed il passaggio dal Dio vendicatore dell’Antica Legge al Signore che, da padre, ti abbraccia e ti perdona.
Ecco perché ho amato il conte di Montecristo…. perché mi ha insegnato qualcosa, di scontato? No, di bello ed universale. Il perdono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2020-04-26 10:14:09 Innamorata
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Innamorata Opinione inserita da Innamorata    26 Aprile, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno spettacolo

Un capolavoro senza tempo. Una storia destinata ad entusiasmare ogni animo. Essa ti fa sprofondare negli abissi più oscuri e malvagi dell’esistenza e poi, con uno slancio ti fa riemergere in tutta la sua bellezza. Perchè solo chi ha toccato il fondo del suo essere può sentire veramente il sapore della vita. “Solo chi ha provato la sventura estrema è adatto a sentire l’estrema felicità. Bisogna aver voluto morire per sapere quanto è bello vivere”.
Personalmente credo sia la storia più appassionante che sia mai stata scritta, la più completa e la più vitale. Perchè ora che ho conosciuto questo straordinario personaggio che è il protagonista, Edmond Dantès, mai lo potrò dimenticare. Egli è il Conte di Montecristo, l’uomo che tutto conosce e che a nulla appartiene, l’uomo dotato di una presenza incontrastabile che disarma chiunque, l’uomo che possiede una ricchezza indefinita che nessuno conosce. Ogni suo sguardo, ogni sua parola ha un valore inestimabile, nulla viene lasciato al caso. “La gente si disputava le sue parole, come capita sempre alle persone che parlano poco e che non dicono mai una parola senza valore”. Io stessa leggendo non aspettavo altro che rivederlo comparire, qualunque personaggio si trovasse ad interpretare. Mai riuscirò a rendere a parole chi è il Conte di Montecristo.
La descrizione degli eventi la considero magnifica, lo scrittore è dotato di enorme vitalità inventiva. Ho apprezzato molto il colore che è riuscito a dare alle parole, anche un semplice aggettivo viene reso spettacolare.
Oltre al personaggio principale, sono rimasta particolarmente colpita dal procuratore del re Villefort. Egli è un uomo molto ambizioso, intelligente e dedito al suo lavoro che rappresenta un modo per espiare le sue stesse colpe. Il suo ruolo slitterà inesorabilmente da giudice ad accusato per finire in una favolosa e terribile follia, fatta di cupi eventi riemersi dal passato e dalla prigione del suo presente.
Compare anche il tema dell’amore, inizialmente idealizzato nella figura di Mercedes ma è un amore del passato, di un altro tempo. Ed è stato bellissimo per me leggere che il protagonista, dopo tutte le sue sofferenze, ha capito una cosa che non osava più credere, che al mondo c’erano due Merecedes, e che poteva ancora essere felice. Personalmente ho tratto da ciò un insegnamento importante.
L’identificazione del lettore con il protagonista è immediata, l’unico momento che potrebbe far dubitare il lettore del suo percorso di vendetta è quando egli stesso affronta un dibattito interiore, ma nulla altro vi svelerò.
Consiglio la lettura di questo romanzo che avidamente ho affrontato e che vi assicuro, non vi deluderà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2020-04-22 11:46:12 martaquick
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    22 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL CLASSICO DEI CLASSICI

Finalmente terminato il Conte di Montecristo, posso condividere con voi la mia opinione perchè sicuramente trama e contenuti sono noti a tutti.
Non mi dilungherò perchè tutto quello che posso dire è che sicuramente questo famoso e importante classico della letteratura è ricco in tutti i sensi: di personaggi, di contenuto, di stile e di pathos.
Devo anche aggiungere che per leggerlo tutto mi ci sono voluti due mesi (nel frattempo ho letto anche qualche altro breve romanzo) ed è uno dei libri che ho impiegato più tempo a leggere in tutta la mia vita.
Sicuramente la mole del romanzo e il linguaggio forbito non hanno aiutato a renderlo scorrevole, e a mio parere alcune parti si potevano benissimo leggermente tagliare senza nulla togliere al romanzo.
Rimane il fatto che in tutta la sua complessità e spessore è un racconto che lascia il segno, i personaggi sono delineati in maniera magistrale e sopratutto il protagonista Dantés, l'uomo dai molti volti, subisce un percorso interiore che entra anche dentro di noi, vorremmo quasi supportarlo nel suo periodo di prigionia ed essere la mano della sua vendetta.
Le ultime 200 pagine per me sono un capolavoro e la conclusione che immaginavo diversa, mi ha lasciato piacevolmente appagata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2020-04-13 15:25:34 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    13 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di tutto e di più

Questo notissimo titolo di Alexander Dumas padre è stato il prototipo del perfetto romanzo d’appendice, un racconto lungo di avventure varie edito in puntate, che richiamava puntualmente schiere di appassionati in religiosa attesa, fedeli al consueto appuntamento con l’uscita della puntata successiva.
E a ragione, perché mai come in questo racconto, un altro capolavoro dell’autore dei “Tre moschettieri”, si realizzava in pieno quel meccanismo letterario detto della fidelizzazione del lettore.
Questo rappresenta la soddisfazione maggiore di un autore, quello di sapere che i suoi lavori contano su uno zoccolo duro di amatori, che seguono con fedele e intensa partecipazione la sua storia.
I fedeli lettori si concentrano sulla lettura con attenzione degna di miglior causa, trepidano per le avventure del loro eroe riversato sulla carta, solidarizzano con questo, ne seguono letteralmente con il cuore in gola le sue alterne fortune.
Restano immancabilmente, e sempre, proprio sul più bello, delusi per la fine della puntata, perché ansiosi di seguire l’evoluzione degli avvenimenti, pertanto in febbrile attesa dell’uscita successiva, per riprendere il ciclo emozionale che tanto li gratifica.
Di tutto questo fu maestro Alexander Dumas, in virtù dell’abilità descrittiva, semplice ed efficace insieme, incisiva pur se espressa con prosa fluida ma scarna, che conta su pochi tratti elementari, delineati tenuto conto della platea dei lettori.
Inoltre, a questa si univano la sua fervida fantasia e l’indubbia capacità di suscitare “suspense”, la spasmodica attesa nel lettore, tenendolo in qualche modo direttamente coinvolto nei risvolti morali delle vicende descritte.
“Il conte di Montecristo” non è pertanto di per sé un classico, o un capolavoro della letteratura d’avventura, è contemporaneamente qualcosa di meno nella forma e qualcosa di più nel contenuto. Lo stile della scrittura non è colto o forbito, poiché il testo è indirizzato a una varietà di utenti differenti tra loro per motivi di censo, di cultura e di capacità di lettura, comunque non certamente un lettore erudito, secondo i canoni classici, più spesso erano lavori graditi dalla piccola e media borghesia e dal popolino con un minimo di capacità di lettura.
La sua fortuna sta tutta nel contenuto: esso è una summa, un condensato di elementi letterari di vario genere, un contenitore di tutto e di più tale da accontentare qualsiasi tipo di lettore.
Non solo; proprio per questo coacervo di generi, suscita sensazioni diverse, talora contrastanti: commuove e indigna, entusiasma e deprime, avvince ed esalta.
Questo è un romanzo di brave persone e di buoni sentimenti; è una storia d’amore filiale e di passione per la propria donna; è un racconto di giustizia e di tradimenti, di beghe politiche e differenze sociali; tratta di tesori, di ricchezze, di arricchimenti leciti o truffaldini, di suicidi e avvelenamenti, d’inganni e travestimenti, di duelli e di assassinii, d’infanticidi e amori proibiti e omosessuali.
E ancora, e oltre, e ancora oltre: di amore e di morte, di tutto e di più, non c’è lettore che non ne esca soddisfatto dalla sua lettura, perché rinviene inevitabilmente elementi narrativi che solleticano la corda giusta adatta a tutti.
Trovano soddisfazione qui chi ama il mare, gli amori inebrianti, l’epopea napoleonica; i castelli e le segrete, le fughe e le evasioni, i misteri e i tesori nascosti.
La ricchezza e la possibilità di cambiare vita, crearsi ex novo una nuova storia ed una nuova identità, porre rimedio alle ingiustizie e ricompensare i buoni, nascondersi e camuffarsi, sorprendere e rivelarsi, innamorarsi di nuovo e rifarsi un’esistenza lieta dopo tanto patire.
Il protagonista Edmondo Dantes è il prototipo della persona perbene, serio, onesto, lavoratore indefesso bravo e competente, figlio devoto e perdutamente innamorato della sua fidanzata.
Un giovane in procinto di spiccare il volo, di dare un costrutto rilevante alla propria esistenza umana e professionale, allorchè per una palese e crudele macchinazione ai suoi danni, è ingiustamente privato del suo onore e della sua libertà, perde tutto, dagli affetti alla reputazione, e ridotto in catene nella più tetra e inoppugnabile fortezza.
Dalla quale riesce, ovviamente in maniera rocambolesca, che libro di avventure sarebbe, se no, ad evadere, e diventa ricchissimo grazie ad un classico tesoro nascosto.
Da questo momento in poi si comporta come si comporterebbe chi, ai nostri giorni, venisse baciato in fronte dalla fortuna azzeccando una vincita multimilionaria al superenalotto.
La nuova condizione finanziaria gli permette una svolta epocale, come sogniamo tutti.
Si rifà un’esistenza, a suo piacimento, nel fisico e nell’origine, come i mezzi gli permettono.
Si vendica dei suoi nemici e accusatori, e nei modi più fini ed indicati all’uopo, in una sorta di legge del contrappasso, premia e ricompensa coloro che in epoca non sospetta erano dalla sua parte.
Come si vede è contemporaneamente giudice e giustiziere, angelo del bene e nemesi spietata, come farebbe piacere a chiunque esserlo nei confronti dei vicini prossimi della propria esistenza.
Chi di noi non ha mai sognato di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, se solo la dea fortuna si decidesse a volgere il suo sguardo benevolo su di noi?
Attorno a questo nucleo centrale, Dumas si sbizzarrisce a creare intrighi, intrecci, personaggi vari e differenti, racconti e avventure dentro la storia principale, fa sfoggio di tutta la sua abilità di letterato, crea infine un romanzo che è la metafora dell’eterna lotta del bene contro il male.
Un romanzo solo per questo quindi da definire eterno e inesauribile, che riguarda e coinvolge tutti, ognuno trova qualcosa che gli piace in questa lettura.
Per questo, continua a essere letto. E riletto, che non è cosa che vale per tutti i libri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"I tre moschettieri" e...i classici dell'avventura!
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2019-10-03 21:22:33 cristiano75
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cristiano75 Opinione inserita da cristiano75    03 Ottobre, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando la vendetta supera l'offesa

Libro monumentale, che va letto con molto calma e pazienza.
La prima parte è una montagna russa tra noia e avventura.
Se da una parte la scena del matrimonio può risultare a tratti di un tedio quasi mortale, quando si giunge nelle scene del carcere si respira finalmente il genio visionario dell'autore.
La seconda parte del libro è dedicata alle vendette che il nostro eroe attuerà verso coloro che hanno rovinato la sua esistenza e quella delle persone amate.
Anche qui si rischia di non finire l'opera, poichè molte scene sono assai prolisse e ripetitive, con personaggi anche abbastanza irritanti.
Ma la fatica di proseguire la lettura è proprio quando si giunge a leggere le varie meravigliose vendette che ci mostrano quanto odio possa annidarsi nel cuore di una persona.
La vendetta calerà con tanto impeto e dolore che lo stesso protagonista ne viene colpito e prova anche dei sensi di rimorso.
Diciamo subito che molti potrebbero paventare una sorta di clemenza, di perdono verso chi ha compiuto dei gesti gratuitamente cattivi, eppure io durante tutta la lettura del romanzo non attendevo altro che leggere come il protagonista avrebbe portato a compimento i suoi diabolici piani.
E' difficile poter giudicare una persona e i suoi comportamenti se non si è vissuto sulla propria pelle certe esperienze. Credo che il grande pregio dell'autore in questo monumentale romanzo, sia quello di riuscire a far immedesimare completamente il lettore nella scena e negli stati d'animo dei vari protagonisti. Quindi non risulterà troppo difficile giustificare i meccanismi psicologici che portano il Conte di Montecristo a fare piazza pulita di tutti coloro che si sono anteposti tra lui e la felicità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2019-02-13 12:15:13 Tomoko
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tomoko Opinione inserita da Tomoko    13 Febbraio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Romanzo ottocentesco ma contemporaneo

Ecco il conte di Montecristo
Inutile descrivere la conosciuta storia di Edmond Dantes.
Parto dal fatto che il libro è da consigliare a chiunque.
È stato scritto nel 1844 ma Dumas e’ capace di renderlo incredibilmente moderno.
Perché consigliarlo a chiunque?
Ebbene, contiene tutto ciò che un lettore può desiderare da un libro, incalzante, ricco di suspance, porta con sè tutti i generi letterari.
Precursore del genere thriller, giallo, noir, è
un romanzo d’avventura dove il lettore incontra briganti, pirati, marinai, re e pascià, per non parlare dell’isola di Montecristo con il suo immenso tesoro.
Ti accompagna attraverso sfarzosi carnevali romaneschi e le più varie località del mondo, Marsiglia, Roma, Parigi, Medio Oriente assieme ad Haydeè, la bellissima principessa greca.
Una infinità di emozioni intrecciate a moltissimi colpi di scena.
Iniziando con L’Amore per il padre e la fidanzata, la solitudine ed il dolore costantemente presenti nella prigione del castello D’IF, la rabbia, talmente tanta da portare allo sfinimento, la corruzione, corrotto è il sostituto procuratore del re Gerard de Villefort, per poi passare alla rassegnazione, speranza, fede e avidità. È la vendetta però l’epicentro di tutta la storia.
Ma basterà al conte di Montecristo, soddisfare la sua anima accecata di vendetta?
Questo racconto porta con sé significativi insegnamenti, e sta proprio a voi lettori coglierli e farne tesoro.
Io credo che dovreste assolutamente leggerlo per percepire questo vortice di emozioni che lascia!
E se ci fosse qualcuno che dice che questo libro è brutto, probabilmente o non l’ha finito oppure si basa sul film con Gerard Depardieu.
Nonostante la mole del volume
(1300 pagine), alla fine, credo un po’ a tutti
dispiacerà salutare i protagonisti.
Almeno per me così è stato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I tre moschettieri
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2018-03-10 17:27:59 Chiara77
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    10 Marzo, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Aspettare e sperare

Edmond Dantès è un giovane marinaio, il 24 febbraio 1815 sta tornando nel porto della sua città, Marsiglia, a bordo della nave dove lavora, il Faraone. Il ragazzo è bravo, industrioso, energico e ha buoni sentimenti. Ha pochi affetti a cui è legatissimo: il padre anziano e la fidanzata, Mercedes. La vita sembra sorridere al buon giovane: stimato dal proprietario del Faraone, quasi sicuramente ne diventerà il nuovo capitano, visto che quello precedente era appena morto e sposerà l'amatissima Mercedes, prima di riprendere la via del mare, dovuta alla carriera di marinaio.
Ma c'è bisogno che continui a riassumere, se pure a grandi linee, gli elementi costitutivi della trama di questo celeberrimo romanzo? Io stessa prima di iniziare la lettura li conoscevo già. Chi non conosce la storia del conte di Montecristo? La storia di Edmond Dantès, ingenuo perchè incapace di provare i sentimenti cattivi di cui rimane purtroppo vittima, cioè l'invidia, la gelosia, l'avidità, che viene tradito nel modo più vile da alcuni conoscenti e, nel giorno che avrebbe dovuto essere il più felice della sua vita, viene arrestato e condotto nel tenebroso Castello d'If, dove venivano rinchiusi i prigionieri politici.
All'inizio Edmond sembra perdere ogni speranza, passano i giorni, i mesi e gli anni e la prospettiva di trascorrere tutto il resto della vita in isolamento lo fa pensare concretamente al suicidio. Inaspettatamente riuscirà però ad entrare in contatto con un altro essere umano, un altro prigioniero, Faria, che viene considerato da tutti un pazzo ma che in realtà è un uomo eccezionale. Egli inizierà Edmond alla cultura, gli insegnerà le lingue, la filosofia, le scienze, lo farà tornare a sperare, gli rivelerà che esiste uno straordinario tesoro e che lui conosce il luogo in cui esso è sepolto. Edmond ricomincia ad aver voglia di vivere, ma grazie agli insegnamenti di Faria riesce a capire finalmente perché si trova in quel luogo, pur essendo innocente, si rende conto di è stato a tradirlo e a lasciarlo consumarsi nell'oscurità di una cella sotterranea del Castello d'If. In quel momento Dantès cambia, il suo animo luminoso si spegne per dare spazio quasi soltanto ad un irresistibile desiderio di vendetta. Il Caso, il Destino o la Provvidenza lo faranno evadere dalla sua prigione e da quel momento lo scopo della sua vita sarà trasformarsi in una specie di angelo vendicatore.
Devo ammettere che fino al momento dell'evasione la lettura di questo libro mi ha dato molta soddisfazione: mi sono emozionata ed immedesimata nella tremenda sorte del buon Edmond, la narrazione mi ha coinvolto, essendo scorrevole e piena di colpi di scena. Dopo, sinceramente, ho iniziato a trovarla un po' pesante: sono descritte tutta una serie di macchinazioni, intrighi, travestimenti e cambi d'identità che mi sono sembrati eccessivi. L'autore si inoltra in una serie di divagazioni, presentazione di personaggi secondari, esposizione di storie nella storia che in seguito saranno tutte spiegate, ma che personalmente non amo. Il romanzo è infatti uno dei capostipiti del famoso genere del feuilletton, che apprezzo fino ad un certo punto.
Inoltre mi sono sembrati inverosimili molti, troppi particolari. A livello sociale, ad esempio: quasi tutti i personaggi principali (a partire da Dantès, che ha trovato il tesoro) da semplici popolani, pescatori, marinai, al massimo di condizione piccolo-borghese, nel giro di una decina d'anni si ritrovano milionari, nobili straordinari, Pari di Francia... Un po' strano nella società ottocentesca. Ed anche molti altri particolari spiccatamente inverosimili, che adesso non voglio rivelare per non spoilerare troppo, tutti tipici del romanzo d'appendice.
Quindi, in conclusione, sicuramente un libro che sono contenta di aver letto, poiché è un classico che fa parte del bagaglio culturale del lettore medio, un grande capolavoro ottocentesco che riscosse all'epoca tantissimo successo e che lo riscuote anche al giorno d'oggi. Pensavo però che avrei amato di più questo libro prima di iniziarne la lettura, che per buona parte del romanzo è stata più faticosa del previsto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2017-03-15 23:59:01 Mane
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mane Opinione inserita da Mane    16 Marzo, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Simbad il marinaio

"Montecristo" è una grandiosa, entusiasmante avventura prodiga di stupefacenti colpi di scena, carica della vitalità dei racconti che trasportano fuori dal tempo e dallo spazio che ci danno consueta dimora.
Questa storia affascinante, senza esigere necessariamente complesse riflessioni e analisi, offre una straordinaria oasi letteraria in cui rinfrancarsi dal quotidiano, concedendosi una salubre evasione dalla realtà.

Lo svolgersi degli accadimenti si ramifica in lungo e in largo come un vasto, intricato disegno, di cui la risolutezza degli uomini e i capricci della Provvidenza si dividono la paternità e che per la sua complessità può esser colto solamente quando l’occhio ha la possibilità di abbracciarne una parte consistente. È qui che la meravigliosa macchina ideata da Dumas trae le sua forza vitale, instillando nel lettore l’attrazione per cui lo scorrere delle pagine vince sulla mole insormontabile a prima vista.

Il ritmo è sostenuto dalla predominanza delle sequenze dialogiche e grazie all’espediente del costante riepilogo dei fili dell’intreccio operato dal narratore in terza persona onnisciente (tipico ottocentesco), le vicende si lasciano seguire agilmente, traendo virtù da quelle che nacquero verosimilmente come esigenze della pubblicazione in forma di feuilleton.

A patto di portare pazienza per i passaggi in cui la ridondanza del manierismo nei gesti e nelle conversazioni si fa un po’ stucchevole, il racconto strega il lettore, avvolgendolo in un’atmosfera drammatica (lontana dall'ironia familiare ne “I Tre Moschettieri”), in cui la vendetta è sovrana della scena, ultimo arbitro degli equilibri sconvolti dalle diverse peripezie e dai molteplici intrighi.

Risparmio qualsiasi cenno alla trama vera e propria, grato come sono stato io stesso, alla fortunata combinazione che mi ha tenuto completamente digiuno dalle celebri riproduzioni televisive e cinematografiche, conservandomi intatto il piacere della scoperta di questo bellissimo romanzo.

“Per i cuori che a lungo hanno sofferto,
la gioia è simile alla rugiada sulle terre essiccate dal sole.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Conte di Montecristo 2016-11-18 13:22:35 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    18 Novembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’atavica diatriba tra vendetta e perdono

Immaginate di essere ad un passo dal realizzare i vostri desideri, dall’affermarvi nel lavoro, dal legarvi per sempre alla persona amata, dal poter dare tranquillità ai vostri cari. Immaginate che proprio nel momento più bello della vostra vita i vostri castelli crollino all’improvviso senza un motivo comprensibile e voi vi ritroviate con un pugno di mosche in mano, soli e senza prospettive. E’ proprio quello che succede a Edmond Dantès, protagonista di questo favoloso romanzo di Alexandre Dumas. Il nostro eroe infatti vive un momento magnifico, sta per sposare la sua bella catalana Mercedes e per essere nominato capitano del Pharaon, la nave su cui presta servizio da anni. Ma, è risaputo, i successi di un uomo possono suscitare invidia e avversione nella persone che lo circondano e che vedono, proprio a causa del trionfo altrui, capitolare i propri sogni e le proprie aspettative. Ecco quindi che il povero Dantès diviene vittima di un complotto ordito dai suoi rivali e aggravato dalla malafede di un magistrato. Senza neanche sapere di cosa è accusato, il ragazzo viene arrestato e rinchiuso nel Castello d’If, una famigerata prigione in mezzo al mare dalla quale, una volta entrati, non si esce più. La rabbia, l’impotenza, l’impossibilità di conoscere le cause che lo hanno portato in cella producono in Edmond un comprensibile turbamento che lo porta ora ad allontanarsi da Dio, ora a cercarvi rifugio, ora a desiderare la morte, ora a voler vivere nella vana speranza di essere liberato. La solitudine, lo sconforto, la frustrazione attanagliano l’animo del malcapitato, finchè un giorno entra in contatto con un altro detenuto, un abate ritenuto pazzo, che cambia completamente la sua vita. Tra i due nasce un’amicizia fortissima e il frate, persona di grandissima cultura e intelligenza, trasmetterà al giovane tutto il suo sapere, gli darà l’occasione per evadere e le indicazioni per trovare un tesoro favoloso. Dopo quattordici anni di detenzione, Dantès riuscirà a lasciare il Castello d’If e tornerà nel mondo civile ricco, colto e assetato di vendetta. La voglia di rivalsa, la rabbia per ciò che ha perduto, il desiderio di farla pagare ai responsabili della sua malasorte, faranno sì che Edmond, che da ora in poi si farà chiamare Simbad il marinaio o Conte di Montecristo, si sentirà investito da una sorta di potere divino e si trasformerà in un ambasciatore della Divina Provvidenza, pronto a restituire il bene a chi lo merita e a punire chi, fin qui, non ha fatto altro che seminare il male. Ma nel compiere la sua opera, il protagonista si renderà conto di quanto illusorio, evanescente e inutile sia il senso di appagamento che deriva dalla vendetta e si troverà costretto a confrontarsi, in un impietoso faccia a faccia, con la propria coscienza. Alexandre Dumas architetta una trama intricata quanto avventurosa, proponendo una storia mozzafiato ricca di colpi di scena, di situazioni drammatiche e di parentesi poetiche. Numerose sono le citazioni letterarie e i riferimenti storici, notevole l’introspezione psicologica del protagonista ma anche degli svariati personaggi che entrano nella storia. Il machiavellico piano di vendetta del Conte viene svelato solo alla fine e solo allora tanti particolari che apparivano di poco conto, tante storie che fino a quel punto potevano sembrare minori e fuori dal contesto, tanti personaggi ritenuti marginali dimostreranno tutta la loro importanza. L’autore inoltre traccia un preciso ed interessante ritratto storico di una Francia di inizio Ottocento ancora scossa dagli strascichi della rivoluzione e divisa tra illuministi, sostenitori della Restaurazione e nostalgici bonapartisti, puntando il dito sui vizi, i peccati e l’avidità della società dell’epoca, società da cui lo stesso protagonista prende ripetutamente le distanze preferendo richiamarsi ad una cultura orientale diametralmente opposta a quella francese, cui si avvicina soltanto per realizzare il suo piano di vendetta e da cui subito dopo si discosta. Avvelenamenti, fughe, duelli, dissertazioni filosofiche, amori traditi e amicizie indissolubili, niente manca a quest’opera che da circa due secoli appassiona e tiene con il fiato sospeso milioni di lettori e che, al di là del lato avventuroso, ha il merito di accendere un dibattito morale sul sottile confine che divide il concetto di giustizia dal desiderio di rivincita, nonché di proporre una profonda riflessione sull’atavica e perenne diatriba tra vendetta e perdono che da sempre divide e affligge l’animo umano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri