Narrativa straniera Classici Lady Susan. I Watson. Sanditon
 

Lady Susan. I Watson. Sanditon Lady Susan. I Watson. Sanditon

Lady Susan. I Watson. Sanditon

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La città di provincia, le chiacchiere misurate dei salotti, le ferree regole e convenzioni dell'universo piccolo-borghese: in queste tre brevi opere gli ingredienti per entrare nello straordinario mondo della Austen ci sono tutti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lady Susan. I Watson. Sanditon 2017-05-22 18:37:12 Cathy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    22 Mag, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre piccoli gioielli

Quando Jane Austen scrive il suo primo romanzo compiuto, "Lady Susan", che sarà pubblicato nel 1871 ad opera del nipote dell’autrice, ha solo 19 anni e i grandi capolavori che le concederanno eterna gloria sono ancora lontani (anche se non troppo), eppure questo romanzo breve, luminoso e divertentissimo sa già catturare il lettore e presenta tutte le caratteristiche che di lì a poco, affinate e sviluppate, renderanno indimenticabili opere come "Ragione e sentimento" e "Orgoglio e pregiudizio": personaggi accuratamente ed efficacemente caratterizzati, stile terso e smagliante, adorabili quadretti di vita della borghesia di campagna nel ‘700 inglese, un’ironia elegante, ma affilata e infallibile nel colpire piccole manie, desideri, comportamenti e convenzioni sociali.
La protagonista che dà nome al romanzo non è una giovane eroina alle prese con avventure e disavventure sentimentali, ma una vedova non più giovanissima, affascinante, seducente e senza scrupoli, che pur di conquistare il benessere economico e un posto di rilievo in società è pronta a tutto, tessendo subdole trame e complotti ai danni di odiate rivali e ingenui signorotti di campagna e coinvolgendo nei suoi piani matrimoniali perfino la figlia, la dolce Frederica.
La narrazione è in forma epistolare, la stessa struttura tipicamente settecentesca che di lì a poco Jane Austen sceglierà per "Elinor e Marianne", prima stesura di "Ragione e sentimento", e lo scambio di lettere coinvolge un buon numero di personaggi: dunque gli stessi episodi sono spesso narrati da più punti di vista e ciascuno di essi, inevitabilmente limitato e parziale, ne svela lati e aspetti particolari, a dimostrazione, con grande modernità, della complessità del reale, della varietà di angolazioni dal quale esso può essere osservato e giudicato e della facilità con cui l’uomo può essere tratto in inganno al suo cospetto.
Più vicino al modello dei grandi romanzi austeniani è invece "I Watson", che l’autrice iniziò e abbandonò tra il 1804 e il 1805, in un periodo cupo per la famiglia Austen, segnato dalle difficoltà economiche e dalla morte del padre di Jane: le scarne vicende di questo romanzo lasciato in sospeso ruotano infatti intorno a un’eroina tipicamente austeniana, Emma Watson, fanciulla amabile e graziosa, di buona famiglia ma priva di mezzi e, come la Fanny Price di "Mansfield Park" o l’Elizabeth Bennet di "Orgoglio e pregiudizio", costretta a vivere tra amici e parenti a lei inferiori nella mente, nei modi e nell’educazione. Il matrimonio è l’unica soluzione per sottrarsi a un futuro di povertà, ma Emma, al contrario delle sue intraprendenti sorelle maggiori, è troppo onesta e intelligente per accalappiare un marito ricco all’unico scopo di non diventare zitella e non esiterà ad allontanare ricchi pretendenti in attesa di incontrare il vero amore.
Nonostante sia poco più che un abbozzo di romanzo lasciato incompiuto, "I Watson" colpisce per la forza dei personaggi e la vivacità della narrazione e tutto lascia pensare che se la Austen avesse deciso di portarlo a termine avremmo oggi tra le mani un ennesimo capolavoro.
A interrompere la stesura di "Sandition", l’ultima opera alla quale l’autrice lavorò, fu invece l’aggravarsi della malattia che la colpì negli ultimi anni di vita e che l’avrebbe condotta alla tomba. La vicenda è ambientata in una piccola e amena località affacciata sul mare, Sandition, che l’intraprendente ed entusiasta – o forse sciocco e ingenuo – Mr. Parker, proprietario terriero del luogo, vuole a tutti i costi trasformare in una stazione balneare alla moda, ed è raccontata per lo più dal punto di vista di Charlotte Heywood, ragazza di campagna che trascorre un soggiorno a Sandition. Tuttavia i pochi capitoli che possediamo danno l’idea di una vicenda corale, nella quale ciascun personaggio, che come in tutti i romanzi della Austen sembra delineato con fini colpi di scalpello fino ad emergere letteralmente dalla carta, reclama la sua parte di attenzione. Tutti sembrano ossessionati da un’idea, un obiettivo o una mania di sterniana memoria e l’autrice, attraverso lo sguardo vivace e acuto di Charlotte, si diverte immensamente a prenderli in giro: Mr. Parker, che impegna tutte le sue energie, il suo denaro e il suo tempo nel progetto utopistico di rendere grande e famosa la piccola, modesta Sandition; lady Denham, che dovrebbe essere la sua compagna di speculazione e invece è paradossalmente attaccata ad ogni spicciolo; il nipote di lady Denham, sir Edward, che come Catherine Morland in "Northanger Abbey" commette l’errore di confondere la fantasia e la letteratura con la realtà e pur di trasformarsi in un eroe da romanzo ambisce a conquistare una fanciulla bella e povera della quale, forse, non gli importa davvero. E cosa dire del fratello e delle sorelle di Mr. Parker, afflitti da una serie di terribili mali immaginari che naturalmente nessun dottore è in grado di curare? Sebbene gravemente malata, Jane Austen non può far tacere la sua ironia e contro chi avrebbe potuto scagliarla con piena efficacia in quel momento della sua vita se non contro una sfilza di malati immaginari da far invidia all’Argante di Molière?
Tutti costoro e molti altri ruotano intorno a Sandition, vero e proprio centro della narrazione, e a Charlotte, che con la sua ironia e il suo buon senso ricorda un po’ Elizabeth Bennet e non può fare a meno di sorridere osservando una simile banda di bizzarri personaggi. Forse anche Charlotte, come le altre eroine austeniane, era destinata al matrimonio e forse l’avremmo accompagnata fino all’altare se solo Jane Austen avesse potuto portare a termine la sua storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di Jane Austen, per una conoscenza completa della sua opera.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lady Susan. I Watson. Sanditon 2012-09-07 09:26:35 Skippy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Skippy Opinione inserita da Skippy    07 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre racconti per conoscere meglio Jane

Per chi ama Jane Austen questo libro è caldamente consigliato e direi imperdibile.
Sono tre racconti che riescono a mettere in luce aspetti caratteriali e stilistici noti e non dell'autrice.

Il primo racconto, Lady Susan, è l'unico che ha una sorta di colclusione, in quanto l'autrice lo aveva ripreso in mano per rifinirlo anche se poi non l'ha mai pubblicato. Se la Austen affermava che Emma sarebbe stata una eroina poco simpatica e difficile da amare, Lady Susan sarebbe da considerare assolutamente odiosa. E' una donna manipolatrice e scaltra, che riesce ad ottenere tutto quello che si mette in mente e riesce ad essere libera di agire senza aver a fianco un uomo. Un carattere forte e spregiudicato (bellissimo il punto in cui augura alla sua amica che il marito abbia un attacco di gotta definitivo!) che mette in evidenza in maniera schietta i veri pensieri dell'autrice. La conclusione è molto ironica e ci fa capire che Lady Susan, con la sua intelligenza e spregiudicatezza, è superiore a molte donne definite piene di virtù.

I Watson a mio parere sarebbe stato un bel romanzo che ci avrebbe donato un ulteriore eroina Austeniana. La storia inizia ed è scandita nella tipica prosa dell'autrice, che ci fornisce tramite questa Emma, una protagonista di unimili origini che, essendo stata per 14 anni cresciuta da una ricca zia, si ritrova a tornare in una famiglia che ormai non conosce più ad affrontare una nuova vita, dimostrandosi però molto intelligente e riuscendo a sopportare la nuova situazione. Sarebbe stato bello leggere come l'autrice avrebbe fatto evolvere la situazione tra Emma, la ricca famiglia degli Osborne e Mr Howard.

Infine Sanditon è l'ultimo racconto iniziato dall'autrice e mai concluso a causa della sua morte. L'ho trovato quasi ironico in quanto i personaggi sembrano tutti delle caricature. Mr Parker con la sua ossessione di far diventare Sanditon un villaggio balneare, le sue sorelle ossessionate dalle malattie e l'aristocratica Lady Denham che si dimostra egoista e gretta. Qui la protagonista Charlotte vive osservando questi buffi personaggi e prendendo in giro sir Edward per essersi immedesimato troppo negli uomini dei romanzi d'amore e che cerca di essere passionale risultando in realtà ridicolo (Charlotte esprime il pensiero che bisogna distinguere la realtà dalla fantasia, in contrapposizione quindi con la protagonista dell'Abbazia di Northanger). Anche qui purtroppo il fatto che la storia sia lasciata in sospeso ci porta ad interrogarci su come l'autrice avrebbe sviluppato molti temi.

Non mi sono dilungata troppo nel raccontarvi queste storie perchè secondo me ognuno deve avere il piacere di godersele a pieno e immedesimarsi nel pensiero dell'autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutti i libri dell'autrice
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lady Susan. I Watson. Sanditon 2011-12-28 12:08:58 Rosanna86
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rosanna86 Opinione inserita da Rosanna86    28 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Watson e Sanditon


Il romanzo "I Watson" inizia con il ballo organizzato dagli Edwards ed Emma partecipa a questo evento mondano, anche se certi eventi non le sono graditi, in rappresentanza della sua famiglia. Al ballo Emma viene notata da diverse persone ed in particolare dallo “sciupafemmine” Tom Musgrave.
I Watson si trovano nella condizione di dover mantenere un certo decoro agli occhi degli altri, senza però averne le possibilità, i mezzi. L’unica via di salvezza dall’emarginazione sociale è un matrimonio, ma la protagonista si rifiuta di partecipare ad occasioni mondane. La protagonista de “I Watson” è Emma Watson, tipica figura femminile dell’autrice, la cui personalità è un misto di: serietà, perspicacia, ragionevolezza, sensibilità, volontà nel perseguire l'obiettivo. E l'amore non è visto come un sentimento romantico e allo stesso modo la scrittrice non sopporta gli “sciupafemmine”, i bellimbusti impulsivi e seduttori, come lo stesso Tom Musgrave, che piace a tutte le ragazze de “I Watson”, ma non ad Emma.
Per quanto riguarda "Sanditon" il titolo si riferisce ad un piccolo villaggio. Mr. Parker e Mrs Parker Mr. e Mrs. Parker, si dirigono verso Willingden, villaggio rurale. La carrozza, una volta giunti a destinazione, nel tentativo di inerpicarsi su per il pendio, si rovescia. I due vengono soccorsi da Mr. Heywood e famiglia. Mr e Mrs Parker vogliono far conoscere ai loro nuovi amici Sanditon e così Charlotte, figlia degli Heywood, si ritrova in carrozza, direzione Sanditon. Nel romanzo sono presenti diversi personaggi ipocondriaci e Jane Austen insiste sul tema della buona salute e ciò si comprende da Mr. Parker che esalta i benefici del clima di Sanditon.
La protagonista, Charlotte, è un personaggio positivo;Charlotte ha le caratteristiche tipiche delle eroine dell’autrice: serietà, sensibilità, tenacia nel perseguire i propri obiettivi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri