Dettagli Recensione

 
La fattoria degli animali
 
La fattoria degli animali 2013-09-08 16:56:23 Clacly95
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Clacly95 Opinione inserita da Clacly95    08 Settembre, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi fa politica, è sempre un buon governante?

Satiricamente sottile e metaforicamente preciso, in questo libro chiunque può ritrovarsi e sentirsi un "animale di fattoria", esattamente come lo è nella vita associata. L'abile Orwell gioca un parallelismo con la realtà, smascherando la vera natura umana e analizzando il senso profondo della politica. L'uomo, trasfigurato animale, da sempre ha ricercato nella politica sicurezza e protezione, sacrificando più o meno direttamente la propria libertà. La politica è un fattore inevitabile: nel mondo degli antichi, ad esempio, era necessario trasferire le leggi degli dei nei principi terreni di giustizia e rigore morale. Senza legge non vi sarebbe rispetto e senza rispetto vi sarebbe solo la violenza, il prevalere del più forte sul più debole e uno spietato egoismo, lo stesso che il filosofo politico Thomas Hobbes credeva fosse prerogativa dell'uomo nel proprio "stato di natura". Ecco che a sanare tutti questi problemi nacque la politica. Ma la domanda è: chi fa politica è sempre un buon governante? Orwell risponde sin dalle prime pagine. Mr. Jones, proprietario della fattoria padronale, è infatti mille volte inadatto a detenere il potere: non si cura dei suoi animali, si ubriaca e si dimentica di tutti i problemi che incombono sulla sua proprietà. Proprio questo viene cacciato dagli animali, stanchi dei suoi soprusi. I princìpi emanati al sorgere della ribellione,"l'uomo è l'unica creatura che consuma senza produrre", "l'uomo non fa gli interessi di nessuno eccetto quelli di se stesso", "nessun animale deve diventare tiranno della sua specie: tutti gli animali sono uguali", inneggiano ad una democrazia in cui equità e lavoro sono le coordinate principali che ogni animale deve rispettare. La fattoria può finalmente respirare un'aria pulita e serena, ma non lo farà a lungo. Gli animali sono di certo culturalmente più evoluti, ma c'è chi, usando l'ingegno e la furbizia, riesce a manipolarli: i maiali, capeggiati dai rivali Palladineve e Napoleone. Ma nemmeno questo stato di cose sarà duraturo: Palladineve viene presto scacciato e Napoleone diviene il padrone assoluto della fattoria, a cui tutti gli animali sono quasi divinamente devoti, dai cani ai maiali, dalle galline ai cavalli (Boxer, infatti, sarà sempre solito dire: "Napoleone ha sempre ragione!"). La politica ormai fa solo gli interessi del tirannico Napoleone. Gli ideali di democrazia, i principi di "Animalismo" e di giustizia sono ormai svaniti, le razioni di cibo per gli animali diminuite e le leggi mutate. Il cambiamento della realtà è un "topic" che l'autore predilige puntualmente. Il divieto assoluto di bere la birra o di dormire sui letti degli umani viene presto trasformato in permesso o semplicemente un diritto esclusivo dei maiali. I contatti con gli umani vengono presto ristabiliti: uomini e animali diventano quasi soci in affari collaborando amichevolmente, tanto che nelle ultime pagine il signor Pilkington, rivolgendosi a Napoleone, dichiara: "Se voi dovete tenere a bada i vostri animali inferiori, noi dobbiamo pensare alle nostre classi inferiori". Simbolica anche l'ultima frase, pronunciata da Napoleone: "Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni animali sono più uguali di altri." La fattoria, dunque, vive tutte le fasi politiche, in un processo ciclico e continuo. La famosa "Anaciclosi" polibiana, in cui la politica benigna degenera in maligna, è la ruota in cui gira anche il mondo orwelliano. Qual è allora la panacea a tutto questo? La politica è una cosa comune: costruirla insieme, senza interessi personali può sicuramente portare i suoi vantaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
gracy
09 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bel commento! Hai colto sfumature di questo libro che condivido :)
"Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni animali sono più uguali di altri"...già!!
In risposta ad un precedente commento
Clacly95
09 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie! Purtroppo questa è la morale che dobbiamo trarre e trarremo se non cambiamo la politica e il modo di vederla!
In risposta ad un precedente commento
gracy
09 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Chissà!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri