Dettagli Recensione

 
Il pozzo e il pendolo
 
Il pozzo e il pendolo 2014-04-13 15:58:47 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    13 Aprile, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PAURA DELLA PAURA ?

Tante possomo essere le paure :
del buio, di alcuni animali, del cambiamento,della solitudine, della novità, dell'incognito, del mistero...
E' un'emozione che tutti abbiamo provato o proviamo.
La lettura del racconto "Il pozzo e il pendolo", mi ha fatto riflettere sulle mie paure ( troppe...) e sulla modalità di rapportarmi con la paura.
So per certo che non bisognerebbe avere paura della paura e impararare ad accettarla, ma come si sa ognuno di noi ha la propria percezione di essa e assume un modo di comportamento anche in base alla proprie sensibilità e fragilità.
Edgar Allan Poe, sembra non avere paura di aver paura...anzi!
Il racconto è una continua sfida alle paure più estreme; il protagonista raggiunge livelli di terrore e orrore notevoli, per poi in extremis riuscire ad essere freddo , calcolatore e a trovare in ogni occasione la calma giusta per sedare la propria ansia e considerare il fenomeno vissuto nei termini corretti e precisi.
Il protagonista è l'anti-Pia; quindi essendo l'esattamente il contrario di me, ho faticato a capirlo. E' stato però motivo di grandi riflessioni da parte mia e sono contenta di ciò.
( Ci sono stati momenti durante la lettura ,che pensavo che in fondo si trattava di segni d'inchiostro su un foglio...quindi nulla di reale e di cui aver paura! )
Io credo che questo autore, reduce da un'infanzia molto triste ed infelice, abbia dovuto vivere grandi paure e che per necessità abbia imparato ad affrontarle e a viverle con atteggiamento di sfida...un vero peccato che sia morto giovane, perchè ci avrebbe regalato libri di un'intensità davvero notevole.
Per non parlare degli altri racconti che si trovano nel libro, dove ci rivelano la sua vivace intelligenza soprattutto matematica, la sua capacità immaginativa a livello fantascientifico, le sue conoscenze astronomiche, ma anche ... putroppo...la sua misantropia.
Eventi assurdi compaiono nei suoi racconti, dove spesso follia e normalità vari di pari passo...dove il voler superare il confine "umano e sano"emerge con prepotenza. Neppure la morte diventa un ostacolo; per Allan Poe non esistono limiti, in nessun campo e tutto con lui può essere. Una sua lettura ci può portare ovunque, dove nemmeno la nostra mente ( o perlomeno la mia ) può arrivare.
E credo che il tutto possa essere giustificato, a mio avviso, dalla sua fine e acuta intelligenza, mista ad una gran sofferenza vissuta.
Una lettura che fa capire dove possa condurre un'infanzia negata...dove il tutto diventa davvero possibile... da far paura!!!
Buona lettura .
Pia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi vuol riflettere sulla paura. Ai paurosi; ai non paurosi. A chi ama racconti "forti"...estremi...anche fantascientifici...sicuramente singolari davvero.
Trovi utile questa opinione? 
320
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Uno dei migliori racconti di Poe, secondo me.... Anche Il gatto nero mi piacque molto e Il cuore rivelatore... tutti molto ansiogeni, ma vale la pena leggerli. ! Bella recensione, Pia.
Bene Pia! Hai cominciato la tua sfida con questo genere di letture?
Terrò presente questa tua segnalazione.
Ho letto la parola "Misantropia". E' un brutto sentimento che speriamo di tenere tutti il più lontano possibile.
Ciao...
Di Poe ho letto quasi tutte le opere....era il mio scrittore preferito in tempo adolescenziale....questo racconto ce l'ho nel cuore....se si vuol conoscere la paura bisogna leggerlo. Complimenti Pia...hai dato un personalissimo ritratto dello scrittore. :)
@ AnnaMaria: davvero ansiogeni, hai detto la parola giusta.
@ Gianfranco: concordo e ti ringrazio per aver sottolineato il brutto sentimento della misantropia...
@ Marcella : caspita hai affrontato sin da piccola certe letture: i miei complimenti; io da piccola ero molto protesa verso e solo quelli che consideravo i buoni sentimenti...non volevo saperne di affrontare e gli altri...forse per questo io...chi ha letto la mia recensione ora sa...
Grazie di cuore, Pia.
Brava Pia, mi ha meravigliato vederti commentare una lettura che ritenevo non potesse interessarti. Bella ed interessante la tua riflessione/recensione. :)
Grazie Robbie !!!
Eh si...ogni tanto anche io mi stupisco di me...si cambia...si, la vita ti porta a cambiare; e ti ritrovi a leggere libri che mai avresti pensato di leggere...un po' invogliata da qualche recensore, un po' per curiosità, un po' perchè senza accorgerti ti ritrovi diversa...
:D
Pia
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La fattoria delle magre consolazioni
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo
L'americano
Ritorno nel South Riding
Mary Barton
Ruth