Dettagli Recensione

 
Re Lear
 
Re Lear 2020-03-31 08:23:45 kafka62
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
kafka62 Opinione inserita da kafka62    31 Marzo, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA VIOLENZA E LA FOLLIA

Pirandello deve essersi ricordato di “Re Lear” quando nell’”Enrico IV” ha fatto scegliere al suo protagonista la follia come unico rimedio per sfuggire all’assurdità e al male del mondo. “Re Lear” è infatti la tragedia della follia per antonomasia, così come “Otello” lo è della gelosia. La follia vi è qui declinata in tutte le sue varianti: oltre alla follia “regale” e dignitosa di Lear, vi è la follia “animalesca” e sconcia di Edgar, quella finta e studiata del conte di Kent e quella trasgressiva e irriverente del “fool”. Sull’altra sponda personaggi barbaramente malvagi ordiscono macchinazioni e complotti in spregio dei più naturali vincoli familiari e sociali (il rapporto tra padri e figli e tra anziani e giovani viene infatti stravolto, rovesciato e sottomesso più e più volte a inenarrabili violenze) e mossi solo da ipocrisia, avidità, brama di lussuria e sete di potere. Mai come nel “Re Lear” c’è stata in Shakespeare una tale distanza tra personaggi positivi e negativi, distanza che a forza di essere tirata verso gli opposti estremi della pazzia e della malvagità contro natura giunge a negare qualsiasi ricomposizione dialettica. La classica strage che chiude la tragedia non ha perciò qui nulla delle melodrammatiche forzature da teatro elisabettiano, perché è il logico e inevitabile suggello di una lotta senza quartiere tra bene e male, la quale non ci risparmia nessuna delle più inimmaginabili efferatezze (come nella scena in cui Regan e suo marito strappano gli occhi dal volto del conte di Gloucester). Quello che rimane è la rappresentazione di un mondo dove si agitano incontrollabili forze oscure, selvagge e irrazionali, le quali, se per un qualche motivo magari banale (come la negligente stoltezza di un vecchio re) si dà loro spazio, rischiano di invadere e sopraffare tutto ciò che prima era pietas, saggezza e cultura (cosa che purtroppo più volte – basti pensare al nazismo – abbiamo avuto modo di riscontrare nella storia).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Condivido l'altissima valutazione, Giulio. E' un capolavoro.
In risposta ad un precedente commento
kafka62
31 Marzo, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
D'accordissimo con te, Emilio. Probabilmente è l'opera di Shakespeare che preferisco. Per fortuna è anche abbastanza rappresentata in Italia. In anni abbastanza recenti l'ho vista due volte, con attori del calibro di Eros Pagni e Glauco Mauri.
In risposta ad un precedente commento
siti
01 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Che fortuna!
La celebre scena in cui Lear immagina con Edmund che si racconteranno antiche storie e le farfalle dorate, penso sia un'apice nella storia del teatro. Un'opera davvero meravigliosa, in cui oltre alla riflessione sul potere, sulla distruzione, sulla follia e il dolore, c'è anche un'inaspettata delicatezza per questo vecchio che non sa più neanche se è vivo.
In risposta ad un precedente commento
kafka62
02 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
"Prenderemo su di noi il mistero delle cose come se fossimo le spie degli Dei...". Sono pienamente d'accordo con te, Daniele: teatro sublime.
Che meraviglia, Giulio!
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri