Narrativa straniera Classici La bestia nella giungla
 

La bestia nella giungla La bestia nella giungla

La bestia nella giungla

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La raccolta dei racconti migliori di Henry James. La forma del testo breve esalta al meglio le doti letterarie di James, sempre teso tra un modo di racconta re più satirico, e un altro più razionalista.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bestia nella giungla 2017-06-21 04:41:50 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    21 Giugno, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

El diablo

Il volume raccoglie quattro racconti che coprono un arco temporale compreso tra il 1877 e il 1903: “Quattro incontri” (1877), “L’allievo”(1891), “Greville Fane”(1892) e il più famoso “La bestia nella giungla”(1903). Sono dunque rappresentate le varie fasi nelle quali si è soliti suddividere la produzione di James, la prima che ci consegnò tra gli altri Il romanzo “Ritratto di signora”, la seconda caratterizzata dal disinteresse del pubblico e dall’insuccesso delle opere teatrali e poi la major phase che ha regalato al lettore gioielli veri e propri come “Giro di vite” e “Le ali della colomba”.
Un unico filo conduttore, macabro, nero , intesse i quattro racconti: la morte accompagnata sempre dall’ambiguità, non che essa sia destinata al momento del trapasso ma, come ben sa il lettore di James, all’esistenza ,tanto da esserne il suo sigillo primario. Può trattarsi del sogno europeo- rievocato a morte avvenuta- della maestrina americana Caroline, e abortito per un raggiro che la congela in un’esistenza altra da quella sognata; può essere ancora l’ambiguo rapporto tra precettore e allievo condannato da malattia e famiglia; o ancora il rimembrare la sfacciata fortuna letteraria di certi personaggi indegni, madre e figlio, che diabolicamente si compensano l’un l’altro e infine, una bestia in agguato come il colombre buzzatiano, temibile, da paresi esistenziale e null’altro che un paletto mentale inficiante e rovinoso.
Tante le tematiche care al nostro James in questa breve galleria: il sogno europeo con le ambientazioni riconducibili al vecchio continente secondo l’occhio americano, il magico connubio tra americani in Europa, l’evanescenza di fugaci incontri e di inaspettati ritrovamenti, l’amore alla James, impossibile e dannato, o monco e mai estremizzato in idillio, e ancora l’ambiguità nelle relazioni umane, il precettore , l’allievo oltre tutto il disappunto per l’industria del libro e il mestiere dello scrivere, un inno alla moralità e all’intransigenza formale che invece dovrebbe accompagnare l’esigenza di esplicitare i propri moti dell’animo.
Bel volume che permette la fruizione del famoso “La bestia nella giungla” a compenso della rinnovata fatica che si fa a inseguire la prosa di James, persi tra fiumi di parole che si arricciano e si dilatano e si amplificano e confondono, turbano, talvolta fanno perdere il filo e arrovellano e stuzzicano per lasciarti sempre con una soluzione aperta, la tua personale chiave di lettura alla vita.
Si lascia la lettura dopo il bellissimo racconto finale quasi trasfigurati in personaggio consapevole che certo non si farà battere dalla bestia della sua personale giungla..ah ah ah … diabolico James!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Giro di vite
Il carteggio Aspern
Ritratto di signora
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bestia nella giungla 2015-10-27 22:31:25 Anna_Reads
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    28 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non avete più nulla da aspettare. Ormai è successo

Dopo la bella recensione che mi ha preceduto ho dovuto rileggere questo racconto lungo. L'ho scoperto cinque anni fa e periodicamente lo rileggo.
Non sono esattamente una groupie di Henry James; mi sembra sempre che sia lì lì per sparare la bordata definitiva… ma poi io non la capisco. E mi rimane sullo stomaco “Cosa avrà voluto dire?”
Sarà che il nostro Henry e James non è un fondista, ma uno scattista, al massimo mezzofondista, ma nella forma di racconto, qui, tira fuori una delle cose migliori che io abbia mai letto (in assoluto).
Con tanto che non amo Henry James, i racconti, i maschioni egomaniaci e le donzelle ad essi votati. Ma qui abbiamo Pirandello, James Joyce, la previsione che si autoavvera, Parsifal, Tristano e Isotta e, en passant, una delle storie d’amore più belle che abbia mai letto.
Fine premessa, andiamo.

Lui e lei.
John Marcher e May Bartram.
Si incontrano per caso. Vagamente lui ricorda di averla conosciuta una decina di anni prima durante un soggiorno in Italia.
Lei è carina, lui fa lo splendido ed inanella dettagli. Dov’erano, con chi erano, dove andavano, cosa vedevano. “Vi ricordate, May…”
Va da sé che i dettagli sono quasi tutti sbagliati (ma lui è John Marcher, la memoria non è il suo forte, anche se l’ego non gli fa difetto). Lei fa notare le incongruenze dei suoi ricordi, ma con dolcezza, senza farlo pesare. Infine, quando la conversazione si fa un poco più intima (nella misura in cui i due si daranno del voi per tutta la vita, per capirci) lei gli chiede se finalmente abbia trovato ciò che bramava tanto dieci anni prima.
John casca dalle nuvole. Cosa mai cercava a Napoli (no, a Sorrento, ricorda May) dieci anni prima?
Poi vagamente ricorda che, senza nessun motivo, dieci anni prima, aveva parlato, proprio con lei, di quella sua strana ricerca. Con lei e con nessun altro, mai più. Tanto da dimenticarsene quasi, fino al nuovo colloquio con lei.
John si sente chiamato ad affrontare un destino importante.
Tragico forse. O straordinariamente felice. O particolarmente drammatico.
Ma comunque grandioso e non scontato.
Si adegua con molta fatica (e pochissimo trasporto) alla vita sociale londinese, che frequenta il meno possibile. Aspetta questo qualcosa di grande e terribile che è in serbo per lui. C’è una bestia, nella giungla della sua vita, che aspetta il momento buon per assalirlo e lui sta lì, pronto a riceverla e a respingerne l’assalto.
Ma May è a parte del suo segreto e lui-le-chiede/lei-accetta di aiutarlo e sostenerlo in questa guerra di nervi contro lo belva.
Così è.
I due diventano la vita sociale l’uno dell’altra.
May continua ad essere la memoria di John e ne diventa l’anima razionale, la confidente, la spalla, il palco all’opera, il dopoteatro, il cappotto d’inverno, il fazzoletto, il divano e le pantofole.
E lui più o meno lo stesso.
Ora fra le righe, noi lettori sagaci, vediamo anche che May ama John e che lui è abbastanza torsolo da non accorgersene praticamente mai.
MA.
Questa – secondo me – non è la solita storia di lei che si strugge e lui che se ne accorge quando lei muore (infatti se ne accorgerà dopo). Perché è una storia di devozione e di un amore che non si consuma mai. In entrambi i sensi in cui si può intendere il verbo “consumare”.
Non si concretizza in sesso e matrimonio, ma non finisce neanche.
È vero che John è preso da sé e dal suo ipotetico incombente destino. Ma è vero che passa la vita con May. Che ogni palpito, ogni sentimento, ogni slancio è per lei.
Che non è la fidanzata, sposa, moglie, madre dei figli.
Ma è la sua compagna di vita.
Per dire, siamo molto lontani da Newland ed Oleska.
Qui non c’è una banale infatuazione di un ego ipertrofico a cui piace pensare che sia stata chissacché, ma che al momento in cui doveva tirare fuori un minimo di attributi si è fatto mettere nell’angolo dall’altra May e poi è stato a lagnarsi forever and ever.
Qui abbiamo uno che un po’ tonto – innegabilmente – lo è davvero e che l’impressione che “qualcosa gli sia sfuggito” / “che mai avrà voluto dire?” probabilmente non se la leva mai di dosso, ma io, mentre leggo Henry James, mi sento solidale e mi identifico. Sfugge sempre qualcosa, a John. Qualcosa che invece May afferra sempre.
Aiutami, May.
E May ci prova ad aiutarlo, almeno fino ad un certo punto. Senonché May si ammala e – almeno lei – capisce che è cosa grave, breve e dolorosa. Da qui smette di aiutare John a tentare di sorprendere la sua ineffabile belva. E lo fa perché sa che John soffrirebbe troppo, qualora cogliesse il portentoso destino a cui era promesso.
Lui a tratti si fa quasi petulante (Dimmelo-dimmelo-dimmelo, May!!), tanto che durante uno dei loro ultimi colloqui lei gli dice di mettersi tranquillo, che tutto è compiuto. Ha affrontato la belva e ha vinto, tutto è passato.
La parte successiva alla morte di May è quella che amo di più. Perché John innanzitutto deve fare i conti con la realtà. E la prima cosa che impara è che non ha nessun diritto sulla memoria di lei, né sul dolore per la sua morte. Gli hanno strappato un pezzo d’anima e lui non può neppure lamentarsi, piangere e disperarsi. Perché non era sua moglie/fidanzata/sorella. E lui non era marito/fidanzato/fratello.
Solo amici.
Nessun diritto a voler morire a sua volta. Nessuna comprensione.
Come un po’ ci attendiamo, John scappa e se ne va in giro per il mondo. Inutilmente. Finisce per credere alle parole di May. Ha affrontato il suo destino, ha vinto. E non se ne è neanche accorto. E infondo non è neppure più importante. Torna a Londra e gira gira ritrova la tomba della sua compagna e se ne esce con una delle dichiarazioni più belle di sempre. Eccola qui:
«Fu così che la tomba di May, nel più singolare dei modi, si trasformò per lui in una risorsa positiva; tanto da indurlo a realizzare l’idea di periodici pellegrinaggi, che finirono col diventare una delle sue più inveterate abitudini. Riuscì insomma, per quanto possa sembrare strano, a far sì che, nel contesto del suo mondo ormai talmente ridotto all’essenziale, quel giardino di morte gli concedesse i soli pochi metri quadrati di terra sui quali gli era ancora permesso vivere. Era come se, non rappresentando più nulla in nessun luogo e per nessun altro, nulla persino per se stesso, qui invece si sentisse tutto, e sebbene non certo alla presenza di una folla di testimoni o a nessuno all’infuori di John Marcher, se non altro per attestazione di quel registro che poteva sempre consultare. Il registro aperto era, appunto, la tomba della sua compagna, ed era lì che giacevano i fatti del passato, era lì che era contenuta la verità della sua vita, lì erano le trascorse distanze nelle quali poteva smarrire se stesso. E infatti, di quando in quando, ci si smarriva, e con un effetto tale che gli pareva di vagare attraverso i vecchi tempi, dando il braccio a un compagno che era, nel modo più straordinario, l’altro se stesso, il più giovane; e cosa ancor più straordinaria, di girare e rigirare attorno a una terza presenza… lei, immobile, fissa, i cui occhi, seguendolo in quel girare, non lo abbandonavano mai, e la cui sede era, per così dire, il suo punto d’orientamento. Così in breve s’adattò a vivere… nutrendosi della stessa illusione di un tempo, e ricavandone non solamente un sostegno ma anche una identità.»
Naturalmente, abbiamo anche Joyce, e John ha la sua brava “epifania” finale. Proprio quella che May aveva cercato di evitargli sempre (non come la stronza sconosciuta della lettera di Zweig, per riguardo, che io queste che muoiono in silenzio, ma ci tengono tanto a fartelo sapere, le metterei al rogo).
Eccola qui.
«Gli tornarono alla mente le parole di May… la catena si allungava all’infinito. La Bestia era stata davvero in agguato, e la Bestia, al momento giusto, aveva spiccato il suo balzo; era balzata fuori nel crepuscolo di quella fredda giornata d’aprile quando, pallida, malata, consunta, ma pur sempre bella, e forse allora persino recuperabile, May era scattata dalla poltrona, gli si era parata di fronte e aveva lasciato che lui indovinasse. Era balzata fuori, la Bestia, e lui non aveva saputo indovinare; era balzata fuori mentre lei s’allontanava da lui sconsolata, e gli era ripiombata addosso, al momento stabilito, quando era ormai lontano. Ecco giustificate le sue paure e compiuto il suo destino; con assoluta precisione, aveva fallito tutto ciò che doveva fallire; e un gemito gli salì ora alle labbra, al ricordo di quanto May avesse pregato perché lui non sapesse.»

E con questo, Henry si è fatto perdonare anche l'insopportabile Isabelle Archer e chi non piange è una brutta persona. Se avanza ancora un po’ di forza, consiglio di provare a leggerlo in inglese, perché è incommensurabilmente più bello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bestia nella giungla 2015-10-20 09:15:39 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    20 Ottobre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La bestia

Questo libro di James l'ho trovato commovente, dopo aver letto tutti gli altri in cui lui si maschera dietro l'ironia, le schermaglie, l'ambiguità. Qui viene finalmente allo scoperto con le sue difficoltà e le condivide con il lettore anche se nel suo modo strano, nebuloso sperando che il lettore non lo capisca. Ma in questo racconto a differenza dal suo solito si fa capire. La scrittura perde l'elegante gelo e diventa intima e bellissima. Questo è il James migliore. Il racconto è veramente stupendo. Inizia subito in modo interessante con l'incontro tra il protagonista e una donna giovane e interessante con cui lui ha instaurato in passato e recupera nel presente un rapporto confidenziale, tenero, affettuoso, intimo eppure mancante di qualcosa. La vita scorre e le cose non cambiano. I due aspettano che nella vita di lui accada qualcosa. L'avvenimento. Eppure il tempo passa e niente succede. Cosa doveva accadere di così eccezionale? Cos'è che dovrebbe capitare al protagonista e che riguarda in qualche modo anche lei, assalendolo di soppiatto? Il lettore immagina che il qualcosa potrebbe essere la passione per quella donna con la quale ha già un legame così bello e profondo. Eppure niente cambia. Alla fine la donna gli dice che ciò che aspetta e di cui ha timore, la sua bestia, non è ciò che deve accadere ma è ciò che non deve accadere. Lui non capisce, la donna muore e lui continua a non capire finchè un giorno, un uomo piange sulla tomba di lei e la sua espressione lo mette di fronte a ciò che non è. La giungla, cioè le persone a cui avrebbe potuto legarsi è stata abbattuta. La bestia, la sua bestia non è la passione ma l'opposto: il non riuscire a entrare in contatto con le persone che ama. Una paura delle passioni e dei sentimenti che lo relegano lontano dalla vita, magari nel mondo dell'arte.
Il racconto è proprio bello e le parole non hanno la solita ironica freddezza ma sono intime e vibranti. Veramente James in questo racconto ha cercato di affrontare la bestia e di far accadere qualcosa.
E' un racconto commovente, toccante. Immagino James di cui è stato scritto di tutto e di cui nessuno ha mai capito nemmeno se amasse gli uomini o le donne per non dire quali. Che scriveva lettere d'amor cortese agli uni e alle altre. Chissà se loro ci hanno mai capito qualcosa? Io penso di no.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri